POC: cos'è il Proof of Concept, come si applica, i vantaggi, gli esempi - Economyup

IL FOCUS

POC: che cos’è, come si attua, vantaggi ed esempi del Proof of Concept per le aziende



La prova di concetto è il primo passo nell’ideazione di un prodotto, un servizio o nella stesura di un piano aziendale da presentare agli investitori. Permette di valutarne la fattibilità, i pregi e i difetti, di apportare modifiche, di ricevere feedback. Ecco perché il POC è così importante per le aziende

di Pierluigi Sandonnini

21 Nov 2022

POC (Proof of Concept)

Avere una idea imprenditoriale è solo il primo passo verso la realizzazione di un prodotto o un servizio. Per sapere se funzionerà bisogna realizzare quel prodotto o quel servizio, cosa che richiede un certo investimento. Ma se la nostra idea imprenditoriale non andasse? Se il prodotto non venisse accettato dal mercato? Se il servizio non si dimostrasse efficiente come avevamo immaginato? Ecco allora venire in aiuto il proof of concept, o POC, che tradotto suona come “prova di concetto”. Si tratta di un modello di prova realizzato allo scopo di dimostrare la fattibilità di un prodotto, un servizio, un piano aziendale o un processo di lavoro. A differenza del prototipo, che è un modello funzionante del prodotto proposto, una prova di concetto è una dimostrazione teorica della produzione e dell’uso potenziale dell’idea. In altre parole, il proof of concept si concentra sulla fattibilità di un progetto, in modo da poter determinare se vale la pena perseguire quell’idea e cosa potrebbe essere necessario per portare a termine il progetto, prima di effettuare l’investimento necessario o di presentare pubblicamente il piano. Una curiosità: il termine POC compare due volte nel Recovery Plan del gennaio 2021.

POC (Proof of Concept), a quali esigenze deve rispondere 

Le aziende producono spesso un proof of concept prima di presentare le loro idee agli investitori. I dipendenti o i team leader all’interno di un’azienda possono sviluppare la documentazione di prova del concetto per presentare una nuova idea alla direzione. Inoltre, i project manager possono utilizzare i documenti POC come framework per determinare il processo di sviluppo del prodotto finale.

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

Da cosa dovrebbe essere composto un proof of concept? Una prova di concetto dovrebbe includere una spiegazione di ciò che fa il prodotto, il servizio o il processo proposto e di come dovrebbe funzionare. In genere, un proof of concept è un documento o una presentazione che introduce il pubblico all’idea, definisce il mercato di destinazione e fornisce una panoramica dei passaggi necessari per creare la versione reale. Il documento POC finale dovrebbe rispondere alle seguenti domande:

  • Siamo in grado di produrre in modo affidabile il prodotto o il servizio in un ambiente reale?
  • Qual è il mercato esistente o potenziale per questo prodotto o servizio?
  • L’idea proposta funziona come previsto?
  • Quali tecnologie sono necessarie per eseguire senza problemi questo progetto e produrre i risultati desiderati?
  • Ci sono feedback ricevuti durante il processo POC che è possibile incorporare nel progetto finale?

Presentare il proof of concept al team di gestione del progetto

Dopo aver sviluppato un proof of concept per un nuovo prodotto o processo, il passo successivo prima dell’implementazione è presentarlo al team di gestione del progetto. Come? Si può preparare un documento con immagini e illustrazioni o un modello fisico del concetto proposto, per dare ai project manager una visione chiara di come l’idea potrebbe funzionare nella pratica , come fa Eureka! TT s.r.l., società di investimento di “Eureka!Fund I -Technology Transfer” che finanzia progetti POC di università e centri di ricerca italiani.

Ai project manager interessa conoscere la probabilità di successo di un’idea imprenditoriale prima di metterla in pratica. Un documento di proof of concept offre al team di gestione la garanzia di procedere dedicando le risorse aziendali allo sviluppo del prodotto.

Proof of concept: i vantaggi dello sviluppo nelle fasi iniziali di un progetto

Durante le prime fasi di un progetto, un proof of concept può aiutare a decidere quali idee vale la pena perseguire e quali scartare, e identificare eventuali ostacoli potenziali prima che il processo di sviluppo sia iniziato. I vantaggi specifici dello sviluppo di un proof of concept possono riassumersi in:

  • Convalida del concetto di base: al suo interno, il proof of concept mostra se lo sviluppo dell’idea è fattibile. Scoprire difetti fatali nel processo di produzione in questa fase aiuta a scegliere quali progetti perseguire ulteriormente e quali abbandonare a favore di altre idee.
  • Previsioni dei costi: il completamento di un proof of concept dà un’idea chiara dei costi complessivi del progetto finale. Durante questo processo si potrebbero scoprire costi nascosti o trovare nuovi modi per risparmiare una volta che il progetto principale sia in corso.
  • Verifica dei risultati previsti: il proof of concept mostra cosa aspettarsi dal progetto completato. Durante la fase di prova del concetto si potrebbero scoprire nuovi usi o mercati aggiuntivi per il prodotto o il servizio.
  • Identificazione dei rischi: il processo POC consente di individuare rischi o potenziali ostacoli prima di lanciare un prodotto o un servizio, in modo da poter trovare modi per mitigare i problemi prima che si sviluppino.
  • Feedback precoce: un proof of concept dà la possibilità di ottenere feedback prima che il progetto completo sia in corso. Ciò consente di apportare le modifiche necessarie prima di investire decisamente nell’idea.
  • Mostrare la fattibilità agli investitori: un POC che mostra che il progetto proposto ha un’alta probabilità di esito positivo può spronare gli investitori ad approvarlo.

Proof of concept, alcuni esempi 

  • Sviluppo del software

Un’azienda che crea software per computer o app mobili può sviluppare una prova di concetto basata sull’identificazione di un’esigenza nel mercato e sulla proposta di un nuovo programma per soddisfare tale esigenza. Il POC dovrebbe includere una valutazione del tempo necessario per scrivere il programma e se la tecnologia attuale supporta gli obiettivi del software.

  • Sviluppo farmaceutico

Le aziende farmaceutiche utilizzano la prova di concetto per valutare se i nuovi farmaci soddisfano i requisiti di efficacia e possono essere prodotti in modo profittevole per il produttore.

  • Nuovi prodotti alimentari

Una prova di concetto per un nuovo tipo di prodotto alimentare dovrebbe iniziare con un sondaggio presso i consumatori, per misurare l’interesse e sondare il gradimento del sapore del nuovo prodotto. Durante il processo di prova del concetto, i membri del team dovrebbero effettuare ricerche su come rifornirsi degli ingredienti, degli imballaggi e delle attrezzature di produzione per garantire la redditività del nuovo prodotto.

Proof of concept e prototipo, quali differenze 

Le differenze tra il proof of concept e il prototipo sono sostanziali. Vediamole.

Il proof of concept riguarda le idee: il punto focale è determinare se la proposta può funzionare come previsto.

Un prototipo, invece, è un modello fisico del prodotto, che serve a dimostrare che può essere prodotto nel modo in cui è descritto. Attenzione, però: un prototipo può essere parte del processo POC, come un modo per presentare un modello funzionante alle parti interessate.

In generale, quindi, possiamo dire che il POC serve a mostrare che il prodotto è fattibile, il prototipo a mostrare che la produzione è praticabile.

 

Pierluigi Sandonnini

Ho una formazione ibrida, tecnologica e umanistica. Nuove tecnologie I&CT e trasformazione digitale sono i miei principali campi di interesse. Ho iniziato a lavorare nella carta stampata, mi sono fatto…