Open innovation nel retail: Ingo acquisisce per 4,7 milioni la startup Xenialab | Economyup

EXIT

Open innovation nel retail: Ingo acquisisce per 4,7 milioni la startup Xenialab



La società fondata all’interno dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino entra a far parte di un’azienda consolidata, che così potrà valorizzare le competenze di user experience omnicanale e rafforzare il posizionamento internazionale. I vertici di Xenialab resteranno nel top management

28 Apr 2020


Il team di Xenialab
Una startup nata in un incubatore, Xenialab, che si occupa di customer experience multicanale, è stata acquisita per 4,7 milioni di euro dal gruppo Ingo. La società fondata all’interno dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino entra così a far parte di un’azienda consolidata che intende così valorizzare le proprie competenze a livello di user experience omnicanale e rafforzare il posizionamento a livello internazionale.

Xenialab ha infatti sviluppato XCALLY Motion, piattaforma di omnicanalità innovativa basata su AsteriskTM che fornisce una user experience multicanale per voce, chat, e-mail, video, sms, social network e WhatsApp for business ed è fruibile attraverso servizi cloud e on premise. Xenialab inoltre si occupa della gestione in outsourcing di sistemi Oracle e offre consulenza nell’ambito dei Big Data, architetture distribuite e soluzioni DB open source.

Con questa acquisizione, conclusasi a dicembre scorso, Ingo potrà integrare le tecnologie di Xenialab per potenziare il proprio posizionamento strategico e tecnologico, garantendo una delle più complete soluzioni nell’ambito del Customer Care e Customer Relation. Potrà inoltre arricchire l’offerta di soluzioni e servizi per clienti e partner in Italia e all’estero, con un approccio che fa convergere i processi di business con tecnologie di intelligenza artificiale, robotica, video-relazione e business automation.

Ingo: scouting e investimenti in R&D

“Siamo molto orgogliosi di poter da oggi contare sulla professionalità e l’esperienza del team Xenialab” sottolinea Marco Durante, CEO di Ingo, azienda che opera nello sviluppo di soluzioni che garantiscono una customer experience fluida ed efficiente, oltre che sempre più multicanale e al passo coi tempi. “Il nostro impegno è da sempre focalizzato su scouting e investimenti in attività di Ricerca & Sviluppo e su tecnologie che ci consentano di offrire ai clienti maggiore valore attraverso nuovi servizi flessibili e soluzioni sempre più efficienti che garantiscano il presidio dell’intera filiera delle Customer Operation, e l’ingresso di Xenialab va proprio in questa direzione”.

I soci di Xenialab restano nel Top Management

“Questa acquisizione è un importante riconoscimento del nostro impegno volto a sviluppare tecnologie performanti che rispondano alle esigenze dei clienti in modo tempestivo, per aiutarli ad affrontare tutte le sfide emergenti in questi anni di profonda transizione”, afferma Diego Gosmar, CEO di Xenialab. “Insieme, saremo in grado di offrire servizi e soluzioni multi-channel per una customer experience a 360°. Inoltre siamo particolarmente soddisfatti di questa operazione, perché è stato proposto fin da subito a tutti i soci di Xenialab di far parte del Top Management di gruppo, e questo significherà garanzia di continuità per i clienti e partner, oltre alla possibilità di crescere ulteriormente sui vari mercati di riferimento”.

Nel nuovo assetto organizzativo infatti, Diego Gosmar sarà il nuovo Head of International Operations mentre Giuseppe Innamorato ricoprirà il ruolo di CTO del Gruppo.

“Le due aziende collaborano insieme da un anno ed hanno raggiunto un buon grado di integrazione già in questi primi mesi del 2020. Il consolidamento del nuovo asset operativo, la R&D in A.I. e Robotica, l’integrazione tra XCALLY Motion e le soluzioni Ingo di Knowledge&Workflow Management (RelationWit) e Video-servizi (VideoWit) insieme all’ampliamento del nostro ecosistema di partner, porteranno ad una crescita solida e costante anno su anno” conclude Marco Durante.

I3P: dare attenzione a startup e scaleup anche nell’emergenza

“Le belle notizie arrivano anche in un periodo  complicato come quello che stiamo vivendo”, sottolinea Giuseppe Scellato, Presidente di I3P. “L’acquisizione di Xenialab rappresenta un’occasione interessante per sottolineare la necessità di dare attenzione e sostegno alle startup e alle scaleup, anche e soprattutto in questo momento di emergenza: si tratta di realtà che grazie alla loro agilità e alla capacità di adattamento non soltanto possono supportare il rilancio di tanti settori dell’economia italiana, ma anche dare il loro contributo essenziale per contrastare l’emergenza, mettendo a disposizione la propria tecnologia”.

Il 10% di tutte le società nate in I3P sono state acquisite – 27 su 255 – ma in una fase come questa di pandemia da coronavirus e conseguente crisi economica, la exit di una startup  assume un valore ancora più importante.