Innovazione come nuova normalità: ecco le sfide organizzative per le imprese | Economyup

STARTUP INTELLIGENCE

Innovazione come nuova normalità: ecco le sfide organizzative per le imprese



La pandemia ha acuito gli sforzi delle imprese per garantire la continuità del business. In questo nuovo contesto è essenziale che l’innovazione si sviluppi come cultura diffusa, integrandola con gli obiettivi strategici e coinvolgendo tutta la popolazione aziendale. Ecco la strada da seguire

di Filippo Frangi

23 Apr 2021


Riuscire a sviluppare innovazione in modo rapido ed efficace è sempre di più un obbligo per le imprese che vogliono mantenersi competitive all’interno di contesti sempre più incerti e mutevoli. La vera sfida non riguarda più solamente la necessità di individuare nuove opportunità e stimoli, ma risulta essere la capacità di strutturare un’organizzazione capace di accogliere tali spunti e svilupparli in progetti che possano portare reali benefici alle Funzioni di Business e all’impresa nel suo complesso. L’innovazione non può limitarsi ad essere relegata in “teatri” destrutturati che non perseguono reali obiettivi strategici, e chi sviluppa innovazione non può essere abbandonato a sé stesso all’interno dell’organizzazione. L’obiettivo deve essere quello di sviluppare innovazione come cultura diffusa, favorendo il coinvolgimento della popolazione aziendale a tutti i livelli e il coordinamento con le funzioni che possono essere impattate dai progetti di innovazione o che possono fornire strumenti a supporto degli stessi.

All’interno del panorama delle grandi imprese italiane, questa esigenza di “riconoscimento” del ruolo dell’innovazione si rispecchia nella riduzione di anno in anno della percentuale di aziende che decide di gestire le attività di innovazione in modo non strutturato, a favore della sempre più frequente formazione di ruoli dedicati o di intere Direzioni Innovazione. Sono i risultati che emergono dalla Ricerca svolta a fine 2020 dagli Osservatori Startup Intelligence e Digital Transformation Academy, e pubblicata all’interno del Report Priorità dell’Innovazione Digitale per le imprese nel 2021: sfide organizzative, disponibile sulla piattaforma osservatori.net. Il Report si pone l’obiettivo di misurare il livello di adozione dei nuovi modelli per l’Innovazione Digitale, analizzando le principali sfide che le imprese devono affrontare, presentando anche alcuni significativi casi di successo.

La struttura organizzativa rappresenta chiaramente solo un primo elemento che determina il ruolo dell’innovazione all’interno dell’impresa. Per rendere l’innovazione effettivamente operativa ed efficace, sono diverse le sfide e le criticità che le imprese devono affrontare, ma le più critiche risiedono al proprio interno. In primo luogo, la sfida maggiormente sentita è rappresentata dalla necessità di integrare l’innovazione agli obiettivi strategici aziendali, così da evitare di sviluppare innovazione fine a sé stessa ed estraniata dal contesto aziendale in cui dovrebbe essere inserita. È importante quindi avere il pieno coinvolgimento da parte del Vertice, che deve essere in grado di indirizzare l’innovazione, fornire adeguati strumenti e trasmettere le reali priorità.

Successivamente, risulta sfidante garantire adeguata integrazione con il Business as usual. Se le esigenze delle Unità di Business sono esplicitate e condivise all’interno dell’organizzazione, è infatti più probabile che i progetti di innovazione riescano a portare reale valore aggiunto a tali unità, facilitando e favorendo anche l’integrazione e il passaggio di consegne nelle fasi di scale-up dei progetti. Infine, tra le sfide maggiormente sentite si trova la necessità di ingaggiare la popolazione aziendale a tutti i livelli, tramite comunicazione, formazione, diffusione di competenze digitali e imprenditoriali e la concessione di spazi e strumenti per favorirne l’ingaggio nelle iniziative di innovazione. Una sfida molto complessa ma molto sentita in primo luogo proprio dalle Direzioni HR, che possono anche individuare nelle iniziative di innovazione uno strumento per favorire il pieno engagement dei dipendenti nei confronti della propria azienda.

La particolare situazione che noi tutti stiamo vivendo, che a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 ha portato molte imprese a concentrare gli sforzi nel garantire la continuità del Business, ha fatto in modo che queste sfide venissero ulteriormente acuite, portandole ad essere ancora di più un fattore centrale per supportare il sempre difficile bilanciamento tra operatività e visione imprenditoriale. Si tratta del noto tema delle organizzazioni ambidestre, in cui la spinta ad una gestione del Business autonoma e proattiva deve essere accompagnata dagli sforzi per rendere l’innovazione e l’imprenditorialità all’interno delle imprese come mindset diffuso e nuova normalità.

Filippo Frangi

Analyst presso Osservatori Digital Innovation