Gran Bretagna, ecco la vita fuori dall'euro | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Economia & politica

Gran Bretagna, ecco la vita fuori dall’euro

08 Mag 2015

Le elezioni hanno sconvolto il quadro politico inglese. Il vincitore delle elezioni, David Cameron, ha subito annunciato un referendum sul futuro in Europa. Su Reteconomy Sky512 un programma racconta come si vive senza la moneta unica.

La Gran Bretagna guarda al suo futuro, mettendo in ansia l’Europa e le Borse. Le elezioni di questa settimana hanno sconvolto il quadro politico inglese. Il partito conservatore ha ottenuto, a sorpresa, la maggioranza assoluta. E il suo leader, David Cameron, ha subito annunciato che ci sarà un referendum sulla permanenza nell’Unione Europa. 

Ma la Gran Bretagna è già fuori dall’Unione Monetaria Europea. Che cosa significa vivere in un Paese, il più grande della UE a non usare l’euro? Come funzionano le cose quando non è la moneta unica a regolare l’economia? A queste domande risponde un nuovo programma di Reteconomy Sky 512, Vita fuori dall’euro, in onda dal 3 maggio la domenica alle 22. Uno sguardo disincantato sui diversi aspetti della vita nel Regno Unito. 

A condurre il programma sono Pietro Capella ed Eugenio Facci. Il tema della prima puntata è stato l’imprenditoria. Quanto è facile iniziare un’attività in Gran Bretagna e farla crescere? Che aiuto danno lo Stato, le banche e tutto il sistema Paese? E quali sono le differenze con l’Italia?

CLICCA QUI PER VEDERE LA PRIMA PUNTATA DI “VITA FUORI DALL’EURO”: L’IMPRENDITORIA

Le storie raccontate sono quelle di una startup nel settore food, con intervista all’imprenditore Alessandro Ascani, e di un’attività di beauty salon consolidata da anni sul mercato londinese, con la testimonianza di Alessandro Consorti, che ha aperto due saloni di bellezza nel nord est di Londra. A completare la puntata c’è l’analisi comparata di Ernesto Gallo, ricercatore della University College London.

Domenica 10 si parla di lavoro. Quanto è facile assumere un dipendente in Gran Bretagna? Quanto pesano tasse e burocrazia sul costo del lavoro? E che cos’è il salario orario minimo? Due le storie raccontate: quella di una dipendente che ha fatto  carriera nella City di Londra fino a diventare direttore finanziario di una società di consulenza e quella di un datore di lavoro nel settore dei parrucchieri per uomo. “Vita fuori dall’Euro” va oltre gli stereotipi, raccontando episodi di vita vera, per capire se l’erba del vicino è davvero sempre più verde.

Articoli correlati