Digital360 Awards 2021, il 16 marzo l'evento di presentazione - Economyup

L'APPUNTAMENTO

Digital360 Awards 2021, il 16 marzo l’evento di presentazione



Digital360 Awards 2021, sesta edizione dell’iniziativa promossa dal Gruppo Digital360. In giuria oltre 160 responsabili IT, Innovazione e Digitale. Martedì 16 marzo è in programma l’evento di presentazione, per raccontare tutte le novità del contest: ecco come partecipare

05 Mar 2021


Digital360 Awards 2021: siamo alla VI edizione dell’iniziativa del Gruppo Digital360 per promuovere la cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità in ambito digitale in Italia. Quest’anno ci sarà una giuria ancora più numerosa dell’anno scorso, per un contest che ogni anno spinge a migliorarsi: oltre 160 Chief Information Officer, Chief Innovation Officer e Chief Digital Manager delle più grandi realtà e organizzazioni in Italia.

Martedì 16 marzo si terrà dalle 12.00 alle 12.45 l’evento di presentazione online di Digital360 Awards 2021, per raccontare tutte le novità del contest che, ormai da anni, riconosce e premia i migliori progetti di trasformazione digitale sul mercato, dall’Intelligenza Artificiale al Mobile Business, dalla Sicurezza alla Business Analytics, dalle Infrastrutture allo Smart Working.

Questo il link per registrarsi all’evento

L’iniziativa, organizzata in collaborazione con il CioSumm.IT, ha l’obiettivo di creare un’occasione di confronto e condivisione di progetti più interessanti nel corso dell’anno. A seguito dell’emergenza sanitaria, il format è stato trasformato nel 2020 in una versione totalmente digitale.

L’edizione 2020 del premio ha visto la partecipazione di 300 candidature, tra cui sono stati scelti 41 progetti finalisti, con 9 premi consegnati ai più meritevoli. Il concorso si è composto nel suo nuovo format di 8 eventi digitali, con 100 CIO iscritti in media ad ogni appuntamento, in cui sono intervenuti numerosi ospiti, come l’astronauta Paolo Nespoli, il matematico Pierluigi Odifreddi, il ricercatore Giovanni Valbusa e l’atleta Manuela Di Centa, che hanno offerto una “vista laterale” sull’innovazione, il cambiamento e le relazioni.