Da Luxottica a Barilla anche il made in Italy entra nel campionato digitale | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione

Da Luxottica a Barilla anche il made in Italy entra nel campionato digitale

10 Gen 2014

Il gruppo di Agordo si lancia nell’ecommerce 3D con l’acquizione di Glasses.com. La società di Parma sperimenta le stampanti 3D per la pasta su misura nei ristoranti olandesi. Ma tutto accade all’estero. Perché il mercato italiano è in ritardo

Svegliati Italia e gioca la tua partita digitale! era il titolo di un’intervista pubblicata da EconomyUp.it la scorsa estate. Parlava Ferdinando Pennarola, docente di Change Management in Bocconi, e sferzava le aziende italiane a cogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, smettendola di lamentarsi per la prepotenza di Google&Co. Ci sono tante imprese del Made in Italy che potrebbero diventare la Google dei loro mercati, diceva. E faceva l’esempio di Luxottica. Sei mesi dopo qualcosa sta accadendo, smentendo il luogo comune secondo il quale gli imprenditori e i manager italiani non avrebbero compreso la portata della rivoluzione digitale che è destinata a sconvolgere modelli di business e abitudini di consumo.

Proprio Luxottica ha appena annunciato di aver acquisito Glasses.com, un portale americano di ecommerce che è soprattutto il contenitore di una tecnologica innovativa che permette di provare virtualemte gli occhiali attraverso il 3D. La società è stata venduta da WellPoint, compagnia di assicurazione che ha ceduto a un fondo anche 1-800 Contacts, leader nelle lenti a contatto, uscendo così dal settore ottico. «Un’opportunità per crescere nel mercato americano», ha spiegato il ceo della società di Agordo Andrea Guerra. Ma anche un modo per sperimentare in un mercato più evoluto le nuove frontiere della vendita. Luxottica ha migliaia di negozi nel mondo e si comprende quindi la cautela con cui si sta muovendo nell’ecommerce, ma ignorare i canali digitali potrebbe comportare seri rischi per la sua leadership. 

Il momento è adesso. Soprattutto per i leader che non possono permettere che piccoli vascelli digitali prendano il largo insidiando i loro territori. Bisogna prepararsi alla svolta inevitabile con l’arrivo sui mercati di chi sta crescendo tra smartphone e social. Significativo il caso della Barilla che, secondo il sito specializzato 3dprinterplans, potrebbe presto installare in alcuni ristoranti stanmpanti 3D per permettere ai clienti di avere la pasta di qualsiasi forma, fatta sul momento. La sperimentazione va avanti da due anni e qualche stampante sarebbe già al lavoro in ristorante di Eindhoven, la capitale olandese del design. Sarebbero solo ancora un po’ lente, ma la strada del printing food e della personalizzazione esasperata è aperta.

L’innovazione non dorme, le aziende (alcune…) neanche. Ma sembra quasi che ci sia poca convinzione a sperimentare in casa. E anche questo è il prezzo del generale ritardo digitale italiano: l’assenza di un vero mercato dell’innovazione. E anche questa è una fuga di…intelligenza. 

Giovanni Iozzia
direttore responsabile EconomyUp

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista. Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy. Dal 2014 conduco il magazine settimanale EconomyUp su ReteconomySky512

Articoli correlati