Condivisione e intermodalità: la nuova mobilità in una ricerca EY | Economyup

Condivisione e intermodalità: la nuova mobilità in una ricerca EY



Gli italiani conoscono i servizi di car e bike sharing ma non modificano le loro abitudini. Sono interessati a pacchetti di servizi ma non rinunciano all’auto di proprietà. L’indagine fa emergere però opportunità di business da sviluppare in una logica di ecosistema fra aziende private e istituzioni pubbliche. Ecco i numeri

22 Mag 2018


Gli italiani cononoscono car sharing e bike sharing ma li usano ancora poco. Sentono l’esigenza di un sistema di trasporti integrato ma prediligono ancora l’auto di proprietà. Pensano che le vetture a guida autonoma saranno più sicure ma le immaginano in un futuro ancora lontano. È un panorama dinamico ma ancora fortemente ancora alla tradizione quello che emerge dalla nuova ricerca sulla nuova mobilità realizzata da EY e presentata a Milano in occasione del convegno La Mobilità del Possibile – proposte per l’Italia. Appunto, dall’analisi del mercato alla proposizione di azioni da compiere individuate insieme a CEO delle aziende Auto, Trasporto e Mobilità e rappresentanti delle istituzioni. Filo conduttore:  Mobility as a Service. Come svilupparla e dove trovare le risorse per finanziarla sono stati i temi al centro del confronto.   “L’adozione del digitale, l’innovazione tecnologica e la crescente convergenza tra i settori rappresentano un passaggio obbligato di cambiamento per il settore della mobilità», dice Donato Iacovone, Amministratore Delegato di EY in Italia e Managing Partner dell’area Mediterranea. «Una sfida che, come in altri comparti, può essere vinta solo attraverso una continua attenzione allo sviluppo e alla trasformazione delle competenze”.

Donato Iacovone, CEO EY Italia

Che cosa emerge dalla nuova EY svolta su un campione di 1.500 consumatori? Gli italiani conoscono i servizi di sharing mobility, soprattutto nelle grandi città: a Roma, ad esempio, il 76,8% del consumatori conosce il car sharing contro il 72,7% dei milanesi, mentre il 62,4% dei romani conosce il bike sharing contro il 57,9% dei milanesi. Inoltre, tra coloro che hanno utilizzato questi servizi il 95% si dichiara soddisfatto (il 46,4% molto soddisfatto). Ma la mobilità condivisa non sembra avere un impatto sulle abitudini: il 90,9% non le ha modificate, il 4,1% ha rinunciato all’unica auto di famiglia, l’1,4% a cambiare l’auto di famiglia e l’1,4% alla seconda auto.

Qui puoi leggere la ricerca EY sulla mobilità

WEBINAR
Sviluppo 4.0 il nuovo volto delle aziende. Tutti gli step
IoT
Industria 4.0

Lo studio evidenzia un bisogno di intermodalità: oltre la metà degli italiani (53,9%) sono interessati ad utilizzare un pacchetto trasporti o un’unica tessera che racchiuda mezzi e servizi necessari ai suoi spostamenti: bus/tram/metro urbano (78,8%), parcheggio (39,6%), treno (38,4%), ma anche sconti nei negozi (30,4%), per l’ingresso a mostre e musei (21,5%) o nei ristoranti (21%). Quanto invece all’auto a guida autonoma, il 42,4% degli italiani è interessato ad utilizzarla, il 29,4% ritiene che renderà gli spostamenti più sicuri e il 58,9% pensa che la utilizzeremo in un futuro ancora lontano.  «Questi dati confermano che i nuovi servizi di mobilità hanno ampi margini di sviluppo nel nostro Paese. Abituati alle possibilità offerte dalle nuove tecnologie in tutti i campi, i consumatori italiani desiderano una mobilità integrata, innovativa, che risponda alla loro esigenza di semplicità, comodità e velocità nello spostamento», spiegaDichiara Paolo Lobetti Bodoni, Med Automotive & Transportation Leader di EY. «E soprattutto guardano alla qualità del tempo di viaggio e alla possibilità di fare altre cose mentre si spostano, come comunicare o acquistare. Sviluppare una mobilità moderna nel nostro Paese si può, partendo da priorità quali la collaborazione tra pubblico e privato, la definizione di nuove e più adatte forme di fiscalità, la creazione di un ecosistema della mobilità».