Alto Adige polo internazionale della creatività | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La mostra

Alto Adige polo internazionale della creatività

18 Dic 2015

Con 1700 enti e aziende del settore culturale e un distretto dell’audiovisivo in crescita, è un territorio in grado di attrarre giovani e professionisti italiani e stranieri. Ulrich Stofner, direttore della Business Location Südtirol-Alto Adige: «Siamo in continua ricerca di nuove professionalità»

Qui e sotto momenti del vernissage della mostra sull'Alto Adige a Milano
L’Alto Adige non è solo terra di mercatini natalizi ma polo culturale e centro di creatività fortemente all’avanguardia. Le organizzazioni che all’interno della provincia si occupano di cultura sono più di 1700, sia enti pubblici sia industrie, e la percentuale di autofinanziamento dei musei – pari al 33-37% –  è fra le più alte d’Europa. Nuove imprese dedicate al settore della cultura e creatività hanno aperto in questi anni e questo nuovo trend attira molti professionisti, anche di ritorno in Italia – da tutto il mondo.

È questo l’incipit dell’esposizione “STILLS. In continuo movimento. Industrie culturali e creative in Alto Adige”, di cui è co-organizzatore Coppa+Landini, in mostra dal 17 al 31 dicembre presso lo spazio Dream Factory a Milano. Una galleria di immagini promossa da Business Location Südtirol Alto Adige (Bls)  e curata dal fotografo altoatesino Ivo Corrà, che ripercorre attraverso personaggi, ambienti e luoghi il cuore pulsante della scena culturale e artistica della Provincia di Bolzano.

Dai set cinematografici allestiti in paesaggi mozzafiato, ai musei di arte contemporanea, ai laboratori artigiani,

alle tante sfaccettature che solo un territorio ponte naturale fra i paesi di lingua tedesca e il mediterraneo può offrire.

Recentemente, grazie all’introduzione della nuova legge provinciale per la promozione della cultura, sono stati ampliati gli strumenti di finanziamento e il panorama dei beneficiari. Anche il cinema ha contribuito a dare un impulso particolare negli ultimi anni. L’istituzione del Fondo provinciale per le produzioni cinematografiche e televisive gestito dalla Business Location Südtirol Alto Adige (Bls) ha permesso la creazione di un distretto dell’audiovisivo che oggi fornisce alle case di produzione che scelgono di girare sul territorio servizi e professionalità qualificate.

“Per natura plurilingue e multiculturale l’Alto Adige è luogo di confronti e scambi continui, capaci di generare una vivace economia anche di pensiero” commenta Ulrich Stofner, Direttore della Business Location Südtirol – Alto Adige (Bls). Qui il settore produttivo della cultura e delle industrie creative – prosegue – è tra i più sviluppati a livello europeo e genera impatti decisamente positivi sulla globale economia locale. Siamo in continuo movimento e per questo sempre alla ricerca  di  nuove professionalità, altamente specializzate che possano fungere da stimolo e crescita per il nostro territorio”. 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati