360Entrepreneurial Index, scarica il report sulle startup hitech in Europa | Economyup

NUOVA IMPRENDITORIALITÀ

360Entrepreneurial Index, scarica il report sulle startup hitech in Europa



Il 360Entrepreneurial Index prende in considerazione tre indicatori legati a diverse fasi del processo imprenditoriale: gli investimenti sulle startup, quelli sulle scaleup e il numero di exit e di unicorni. L’Italia si colloca al ventesimo posto in Europa, anche se c’è qualche miglioramento

26 Giu 2019


L’Italia è solo 20esima nell’Unione Europea per efficacia dell’ecosistema di startup nel 2018, ma è in recupero rispetto al 2017 grazie a raddoppio dei finanziamenti in equity, crescita degli investimenti in scaleup, aumento di exit e unicorni. Ecco la sintesi del 360Entrepreneurial Index, la prima ricerca in Italia a misurare l’efficacia degli ecosistemi europei delle startup hi-tech finanziate con capitale di rischio svolta dal Centro Studi di Digital360. 

Lo scenario italiano, seppure in evoluzione,  non è confortante rispetto al contesto europeo ed urgono interventi politici, come sottolinea il CEO di Digital360 Andrea Rangone.

QUI PUOI SCARICARE IL  REPORT COMPLETO

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Il 360Entrepreneurial Index è la sintesi di tre indicatori chiave, che fanno riferimento alle tre fasi del processo imprenditoriale:

  1. l’Entrepreneurial Quantity Index, che misura la quantità totale di investimenti equity immessi nel sistema imprenditoriale per finanziare le startup;
  2. l’Entrepreneurial Quality Index, che si focalizza solo sulle operazioni di investimento di maggiore dimensione, tipicamente finalizzate a finanziare la fase di scaling-up delle startup;
  3. l’Entrepreneurial Outcome Index, che misura i “risultati” dell’attività imprenditoriale in termini di numero di Exit realizzate (ossia numero di startup che si quotano in borsa o vengono acquisite da parte di imprese più grandi) e di Unicorni (ossia startup che raggiungono una valorizzazione complessiva almeno pari ad 1 miliardo di dollari)