Deliveristo, round da 7 milioni per il marketplace B2b del food - Economyup

DIGITAL TRANSFORMATION

Deliveristo, round da 7 milioni per il marketplace B2b del food



Fondato nel 2019, Deliveristo è diventato il principale foodtech marketplace B2B dedicato agli operatori della ristorazione. Il nuovo round è guidato da Vertis SGR con United Ventures, Azimut Libera Impresa, IAG, Gellify Digital Investments, Doorway e altri business angels. Obiettivo: nuovi servizi e l’Europa

4 giorni fa


Il team Deliveristo

Chiude un round da 7 milioni Deliveristo, il principale mercato online per ristoratori e chef lanciato nel 2019 da tre giovani imprenditori.

Vertis SGR, attiva nella gestione di fondi di private equity e venture capital, è lead investor del round di investimento in equity attraverso il suo nuovo fondo “Vertis Venture 5 Scaleup”, United Ventures SGR, attraverso il fondo “United Ventures II”, ha reinvestito nella startup dopo avere guidato il round A da 4,5 milioni di euro del dicembre 2020; anche Azimut Libera Impresa SGR, attraverso il fondo “Azimut Digitech Fund”, ha puntato sulle potenzialità di crescita di Deliveristo insieme a Italian Angels for Growth – IAG, Gellify Digital Investments, Doorway ed altri business angels.

Il round supporterà il percorso di crescita di Deliveristo che prevede, oltre al consolidamento della posizione di leadership nel mercato italiano, l’espansione in Europa e il lancio di nuovi servizi per clienti e fornitori, dal data-driven marketing ai servizi finanziari legati alla gestione dei pagamenti.

Foodtech B2B, un mercato dalle grandi opportunità

Il settore del foodtech è uno dei più dinamici nel panorama della web economy, con i fondi di venture capital che hanno finanziato e sostenuto la crescita di molte piattaforme internazionali dedicate al food in ambito B2C.

WHITEPAPER
Modelli di agricoltura sostenibile per un’economia circolare
Smart agrifood
Sviluppo Sostenibile

Se il segmento B2C è ben presidiato e in fase di consolidamento, quello B2B, in particolare quello dedicato agli operatori Ho.Re.Ca., rappresenta un’enorme opportunità per le società come Deliveristo che stanno innovando la supply chain e digitalizzando i processi di approvvigionamento. La spesa destinata ai prodotti alimentari degli operatori del settore Ho.Re.Ca., in particolare, rappresenta circa il 30% del totale di mercato, per un valore complessivo che solo in Italia ha superato i 24 miliardi di Euro nel 2019 e in Europa 155 miliardi di Euro (Foodservice Market Monitor, Deloitte).

Cosa fa Deliveristo

Deliveristo nasce nel 2019, fondata da Ivan Aimo, Luca Calia e Gabriele Angeleri.

Con Deliveristo, i player del settore Ho.Re.Ca. hanno accesso a un mercato online del food & beverage con un catalogo prodotti ampio e diversificato, che include anche prodotti artigianali e locali, e possono selezionare in modo semplice e veloce ciò che desiderano e farseli consegnare direttamente nei loro locali; allo stesso tempo i fornitori, che comprendono sia produttori che distributori, possono aumentare la propria visibilità e incrementare il giro d’affari vendendo i loro prodotti agli oltre 1.300 iscritti alla piattaforma, tra chef, ristoranti, negozi e nuovi canali di ristorazione “delivery only” come dark, ghost o cloud kitchen. Un modello di business unico in Europa, estremamente snello perché totalmente in software-based, con una gestione della logistica molto flessibile basata sul drop-shipping (i prodotti vengono cioè spediti direttamente dal fornitore al negozio o al ristoratore) e un unico centro di acquisto e fatturazione per il cliente Ho.Re.Ca.

Oggi con un team di 50 persone, Deliveristo è diventato il principale foodtech marketplace B2B dedicato agli operatori della ristorazione. Attraverso la piattaforma web e la nuova App, chef e ristoratori hanno accesso a un catalogo di prodotti alimentari freschi e secchi in costante crescita, che oggi conta oltre 60mila prodotti di qualità provenienti da oltre 350 fornitori.

La base clienti di Deliveristo è prevalentemente localizzata nelle città di Milano, Torino, Roma, Bologna e Firenze, mentre i fornitori sono in tutta Italia.

Deliveristo, il nuovo round

Prima del round attuale, aveva già raccolto 5,6 milioni di euro: 1,1 milioni tra pre-seed e seed e 4,5 milioni nel round A guidato da United Ventures del dicembre del 2020. La nuova iniezione di capitale da 7 milioni è segno del suo continuo percorso di crescita.

“Siamo felici di dare il benvenuto all’interno della compagine societaria a Vertis SGR, Azimut Digitech Fund e agli altri nuovi investitori, oltre che grati a United Ventures ed ai precedenti di continuare a supportare ciò che stiamo costruendo. Più proseguiamo il nostro percorso, più ci rendiamo conto di quanto questo settore necessiti di digitalizzazione ed innovazione. L’obiettivo di questo round è quello di offrire sempre più servizi ai fornitori ed ai ristoratori, iniziare a validare il modello in altri Paesi e prepararci per un round significativo di espansione, al quale inizieremo a lavorare sin da subito” dichiara Ivan Aimo, CEO & Co-Founder di Deliveristo.

Deliveristo ha un posizionamento unico nel processo di innovazione e digitalizzazione della supply-chain degli operatori del settore Ho.Re.Ca., che solo in Italia spende più di 24 miliardi all’anno per acquistare i prodotti food&beverage” commenta Alessandro Pontari, Investment Director di Vertis. “Grazie al distintivo modello ‘pure software marketplace’, che permette una struttura dei costi snella e flessibile, Deliveristo è un business scalabile e replicabile in altri mercati. A queste caratteristiche si aggiunge un team di founder e di manager esperto e con una capacità di execution provata dagli ottimi risultati realizzati a oggi. Deliveristo ha anche un impatto positivo in termini di sostenibilità, grazie a una riduzione degli sprechi in cucina, una maggiore trasparenza della supply chain e una riduzione delle emissioni di CO2 legate al trasporto.”

“Siamo entusiasti di poter continuare a supportare Deliveristo, dopo aver guidato il precedente Round A. Il team ha dimostrato il proprio valore e il modello di business implementato è risultato essere resiliente e molto scalabile in un segmento, quello B2B in ambito food, con grande potenzialità ma ancora poco digitalizzato. Gli ottimi risultati raggiunti hanno confermato le nostre aspettative e siamo confidenti nel percorso di crescita della società” conclude Sara Lovato, Investment Manager di United Ventures.