CIRFOOD DISTRICT LOVES IDEAS: una call per il food service

RISTORAZIONE

Alla ricerca di innovazione per il food service, CIRFOOD lancia una call per startup



Una call per portare soluzioni innovative nel settore della ristorazione collettiva e commerciale. “CIRFOOD DISTRICT LOVES IDEAS” è stata promossa dal nuovo centro di ricerca e innovazione che CIRFOOD inaugurerà a fine ottobre. Candidature aperte fino al 30 novembre

di Maura Valentini

2 giorni fa


Immagine di ivanmiladinovic da Shutterstock

Arriva la call per l’innovazione nel mondo della ristorazione: l’impresa cooperativa italiana CIRFOOD lancia “CIRFOOD DISTRICT LOVES IDEAS”, iniziativa dedicata a startup e scaleup per portare soluzioni innovative nel settore della ristorazione collettiva e commerciale.

“Attraverso questa Call, apriamo le nostre porte a giovani imprese che potranno contribuire all’evoluzione del comparto del food service grazie ad uno scambio reciproco di competenze e conoscenze, in un’ottica di condivisione e open innovation che caratterizza da sempre il nostro modo di fare impresa” ha commentato Marco Campagna, Direttore Innovation & Strategy CIRFOOD. “Come impresa di servizi, ci impegniamo ogni giorno a nutrire il futuro di idee e soluzioni che garantiscano a tutta la società uno sviluppo sostenibile, un impegno che si arricchirà ora di nuovi strumenti innovativi e agili che andranno a popolare il CIRFOOD DISTRICT, il nostro centro di ricerca e innovazione che inaugurerà a fine ottobre, dove progetteremo e sperimenteremo nuove soluzioni in ambito nutrizione e food service”.

Come funziona la call for startup di CIRFOOD

Promossa da CIRFOOD DISTRICT, la call nasce per portare nuove idee nel mondo del food service e favorire l’evoluzione tecnologica del settore attraverso le soluzioni di giovani imprese innovative. È costituita da 4 aree di ricerca: Circular Economy and Sustainability, Education & Health and Social Care, Smart Process e In-Store & Restaurant Tech.

Aperta alla candidature dal 20 settembre al 30 novembre 2022, selezionerà a partire da dicembre 2022 le 10 migliori idee tra i progetti presentati, secondo criteri di attinenza al business CIRFOOD, sostenibilità, scalabilità e applicabilità della soluzione.

Si terrà a febbraio 2023 all’interno del CIRFOOD DISTRICT il DemoDay, evento fisico per la presentazione dei progetti delle 10 startup selezionate, che terminerà con la proclamazione del vincitore. Nella primavera 2023 la startup vincitrice avrà quindi modo di avviare un progetto pilota con CIRFOOD per validare la soluzione proposta.

La call è supportata da importanti partner quali Agrifood-Tech-Italia, ART-ER, Confcooperative Bologna-Modena-Reggio Emilia, Fondazione PICO – Digital Innovation Hub di Legacoop Nazionale, Food Hub, Legacoop Emilia Ovest, Retail Hub, Startup Geeks, Too Good To Go e Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Come partecipare alla call

La partecipazione è aperta a startup dotate di una soluzione applicabile al mondo del food service e già validata attraverso progetti pilota. Per candidarsi è sufficiente accedere al sito ufficiale della call e compilare il form sulla piattaforma dedicata entro le 23:59 del 30 novembre 2022.

CIRFOOD, innovazione e open innovation per il food service

CIRFOOD nasce a Reggio Emilia ed è una delle maggiori imprese cooperative italiane attive nella ristorazione collettiva, commerciale e nei servizi di welfare, con oltre 50 anni di storia alle spalle e una presenza in 17 regioni e 74 province d’Italia, in Olanda e Belgio.

Guidata dalla visione “feed the future”, da sempre si impegna nell’innovazione dei servizi con l’obiettivo di perseguire uno sviluppo sostenibile, dal punto di vista economico, ambientale, sociale e culturale. Proprio per potenziare le attività di open innovation ha dato vita, a Reggio Emilia, al CIRFOOD DISTRICT, centro di ricerca e innovazione nato per progettare e sperimentare nuove idee e soluzioni nel settore del Food Service.

“L‘impresa di ristorazione collettiva è sempre disposta a farsi guidare nel suo percorso di innovazione da startup, ma anche da università o fornitori” ha raccontato Campagna a Economyup in questa intervista. Già tanti i progetti innovativi realizzati, a partire da QUBì, format di ristorazione kitchenless, a progetti che fanno leva sull’innovazione e sull’intelligenza artificiale per contrastare il fenomeno degli sprechi alimentari, fino all’applicazione Appetie per semplificare e digitalizzare la ristorazione”.

Maura Valentini

Laureata in lingue orientali, sono un'amante di Giappone e innovazione. Parte del gruppo Digital360 dal 2020, scrivo per le testate EconomyUp, InsuranceUp e Proptech360.