Soldo, altri 180 milioni per la scaleup delle spese aziendali fondata da un italiano a Londra | Economyup

FINTECH

Soldo, altri 180 milioni per la scaleup delle spese aziendali fondata da un italiano a Londra



La piattaforma europea per lo spend management aziendale ottiene un round di finanziamento C da primato nella categoria spend management aziendale. Ecco come Soldo, fondata da Carlo Gualandri, investirà i nuovi fondi

3 giorni fa


Carlo Gualandri, founder e CEO di Soldo Business

Arrivano 180 milioni di euro per Soldo, piattaforma europea per lo spend management aziendale, che dunque, con questo round di finanziamento C, raggiunge un record europeo in questa categoria.

La raccolta per la società, fondata a Londra nel 2015 dal veterano della tecnologia Carlo Gualandri, è stata guidata da Temasek, uno dei principali investitori globali con un portafoglio che include Adyen, Dell, Paypal e Visa. Il round ha visto la partecipazione di nuovi investitori come Sunley House Capital, il fondo crossover Advent International, Citi Ventures, e la riconferma di fondi come Accel, Battery Ventures, Dawn Capital e Silicon Valley Bank per il debt financing. Goldman Sachs ha agito come agente di collocamento esclusivo di Soldo.

Questo investimento, si legge in una nota, segue una rilevante crescita del volume di spesa aziendale gestito da Soldo rispetto al round B, nonostante il difficile contesto macroeconomico attuale.

Il nuovo round consentirà a Soldo, di accelerare lo sviluppo del prodotto e l’espansione su tutto il mercato europeo, che si stima abbia un valore di 170 miliardi di dollari all’anno.

Come è nata e cosa fa Soldo

Soldo punta a semplificare la routine quotidiana dei dipendenti che si occupano regolarmente di gestione di note spese, con il costante rischio di perdere le ricevute. L’app mobile facilita l’acquisizione dei giustificativi e le transazioni direttamente nel punto di acquisto. Servendo oltre 26mila clienti, dalle piccole e medie imprese alle imprese globali in più di 30 paesi, Soldo punta ad aiutare le aziende a gestire ogni propria spesa, trasferte aziendali, online advertising, gestione dei fornitori, licenze software o qualunque altra tipologia di gestione dei costi. Tra i suoi clienti ci sono Mercedes Benz, Gymshark, GetYourGuide, Endemol, Bauli e Brooks Running.

Open-F@b Call4Ideas 2021
Un'assicurazione più accessibile a tutti? Candidati al contest, hai tempo fino al 26 settembre!
Finanza/Assicurazioni
Startup

Soldo ha chiuso il round B da 61 milioni di dollari a luglio 2019 e da allora ha aumentato le dimensioni con i suoi oltre 200 dipendenti negli uffici di Londra, Dublino, Roma e Milano. L’ultimo round di finanziamento vedrà la società approfondire la sua attenzione a nuovi mercati tra cui Benelux, Francia, Germania e Irlanda.

Come funziona la piattaforma tecnologica

La piattaforma di gestione della spesa di Soldo, costruita negli ultimi cinque anni, si basa su uno stack tecnologico interamente di proprietà, supportato da servizi finanziari regolamentati e infrastrutture di pagamento. La piattaforma consente a Soldo di spingere l’innovazione integrandosi con i principali software di contabilità NetSuite, QuickBooks, Zucchetti, Xero e i clienti possono connettersi con oltre 50 piattaforme di gestione delle spese tra cui Concur e Expensify tramite MasterCard Smart Data.

Perché Temasek come lead investor

Carlo Gualandri, CEO e fondatore di Soldo ha dichiarato: “Siamo onorati dell’ingresso di Temasek come lead investor. Grazie al suo track record di investimenti in società apicali del mondo fintech, gli insight di Temasek saranno preziosi per sviluppare la nostra piattaforma e la nostra offerta. La gestione delle spese aziendali è onerosa e implica una serie di sfide: la soluzione Soldo è un grande valore aggiunto in ogni tipologia di industry e di dimensione aziendale. È chiaro che questa categoria vedrà una crescita esponenziale poiché sempre più aziende si renderanno conto degli enormi vantaggi e Soldo è in una buona posizione per supportarle. I pagamenti aziendali tradizionalmente si appoggiano su bonifici e carte di credito aziendali, metodi che rappresentano, ognuno, delle problematiche di gestione e margine di rischi. E questo senza dimenticare che ad ogni transazione segue una ricevuta, il report delle spese, la classificazione e riconciliazione, l’analisi del budget di spesa, tutte operazioni disconnesse e manuali. Soldo è la risposta digitale a questa costosa complessità che esiste nel mondo delle aziende”.

Simon Lambert, Director di Sunley House, il fondo crossover di Advent International, ha aggiunto: “Siamo entusiasti di investire in Soldo. La nostra esperienza nei software e nella tecnologia dei pagamenti ci assicura una visione approfondita che ci porta a vedere in Soldo il player in prima linea nella digitalizzazione dello spend management. L’azienda opera in un mercato ampio e in rapida crescita e siamo entusiasti di collaborare con il suo eccezionale management team, che è al lavoro per costruire la piattaforma di spend management aziendale leader in Europa”.

Luis Valdich, Managing Director di Citi Ventures, ha aggiunto: “Citi Ventures è rimasta colpita dalla strategia di Soldo e dalla sua mission di trasformare il mercato per aiutare le aziende a gestire e controllare la spesa in modo più efficiente. Siamo entusiasti di supportare l’azienda nella futura espansione della sua piattaforma per trasformare il futuro della spesa aziendale”.

Conclude Mariano Dima, Presidente di Soldo: “Sappiamo bene come impiegati, personale dell’amministrazione e direttori finanziari spendano la metà del proprio tempo nella gestione delle spese dell’azienda dedicandosi ad attività manuali molto time consuming. Un recente studio da noi condotto sui CFO e sui direttori finanziari ha rivelato che controlli sulla spesa non efficaci stanno costando alle imprese europee il 2% del loro fatturato annuo durante il periodo della pandemia. Questo spreco è ciò che Soldo mira a sradicare, rendendo più semplice la vita dei dipendenti e più consapevoli le aziende di ogni singolo costo. Solo così saranno in grado di controllare veramente i proprie costi ed essere preparate a prosperare dopo la pandemia”.