Qurami, l'app che piace a Comuni italiani e…. Posta inglese | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La storia

Qurami, l’app che piace a Comuni italiani e…. Posta inglese

03 Dic 2014

Roberto Macina, 30 anni, ha “creato” la sua startup per virtualizzare le code mentre era in fila alla segreteria dell’Università. Che oggi la usa. Così come gli uffici comunali romani. Da gennaio lo farà anche la Royal Mail. Il sistema ha attirato l’attenzione di un istituto di credito, che sta valutando come entrare in società

Roberto Macina, ceo di Qurami
In un mondo ideale, le file non esistono. Nell’Italia che vogliono creare le startup, invece, le code non spariscono, ma diventano virtuali, veloci e poco fastidiose. È questa l’innovazione che da qualche anno sta portando negli uffici pubblici italiani (e non solo) Qurami, una startup romana nata, ovviamente, aspettando. E che adesso invece sta correndo, tagliando un traguardo dietro l’altro. L’ultimo del 2014 potrebbe essere quello di prima startup nel cui capitale entra una banca, una grande banca che in questi giorni sta perfezionando il contratto. 

Roberto Macina, che oggi ha 30 anni ed è il ceo dell’azienda, era un laureando in ingegneria in attesa di un documento alla segreteria studenti dell’Università Roma III. La sua startup è nata da una domanda: «Possibile che non esista un’app per evitarmi questa inutile noia?». È possibile, quell’app non esisteva e lui l’ha creata. Era il 2011: oggi Qurami è arrivata a 150 mila download e 60 mila file saltate, anzi «virtualizzate». Nel 2013, TechCrunch l’ha inserita tra le 40 startup italiane più promettenti.    

► Roberto Macina ha partecipato alla puntata del 2 dicembre di EconomyUp. Clicca qui per rivederla

L’app è gratuita per l’utente, gli permette di prendere il numeretto digitale e gli offre in tempo reale due informazioni: quante persone ci sono in coda prima di lui e qual è il tempo di attesa stimato. Così può fare altro in attesa che la fila si smaltisca. Qurami prende una revenue da chi offre questo servizio ai suoi clienti, a seconda della quantità di punti in cui è installato. I primi clienti di Qurami sono state le segreterie studenti delle università di Roma: Sapienza, Tor Vergata, Roma III e Luiss: «Era il mondo che conoscevamo meglio e ci serviva per dimostrare al mondo che la nostra idea funzionava». Poi sono arrivate la Camera di Commercio di Milano, i Comuni di Firenze e Trieste e tutti gli uffici pubblici di Roma, municipi compresi. In tutto sono 35 le strutture che offrono questo servizio ammazza-file.

Qurami nasce scalabile e col desiderio di avere un respiro internazionale, fin dal nome: «Cercavamo un gioco di parole con fila e coda, ma tutti i

Il team di Qurami
domini erano già presi, così siamo partiti dal sostituire la q alla c, per richiamare la parola inglese queue, fila». Ed ecco Qurami (accento sulla A), l’app per «curare» le code. Ma non basta un nome dal sapore anglosassone per conquistare l’Europa. Servono soldi e intraprendenza. I soldi sono arrivati grazie al venture capital: Qurami ha appena concluso un round da 500 mila euro in un accordo di investimento con LVenture Group, i soci di IAG (Italian Angels for Growth) e altri business angel. Dalla sua nascita, la raccolta della startup è stata di 800mila euro.

L’intraprendenza invece ce l’ha messa Macina, cercando per Qurami un cliente così grande da far paura: la Royal Mail inglese, con i suoi 12 mila uffici postali. «Ho semplicemente mandato un’email via Linkedin al branch manager di Post Office e così è nata la trattativa». Il risultato? Dal 20 gennaio parte la sperimentazione di questa app italiana in 10 uffici postali inglesi.

Una bella soddisfazione per i ragazzi di Qurami e una vetrina importante per tutta l’innovazione italiana. Qurami, inoltre, ha attraversato l’oceano e conquistato  BAC – Banca Costarica e Cable & Wireless di Panama. I prossimo obiettivi? Entrare nel mondo del servizio clienti di negozi e banche ma soprattutto stringere l’accordo in apparenza più ovvio per un sistema di razionalizzazione delle code, ma in realtà il più complesso: Poste italiane. La trattativa c’è, forse sarà ancora lunga. Ma se c’è una cosa che Roberto Macina e il suo team sanno come fare è aspettare.

di Ferdinando Cotugno

  • erinap

    Complimenti e’una idea geniale . perché non esiste in tutti i comuni
    d’Italia, come a Palermo?

Articoli correlati