La tecnologia da indossare è un business per le assicurazioni | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La tecnologia da indossare è un business per le assicurazioni

di Paolo Gesess

29 Dic 2015

La prossima generazione di wearable device avrà un impatto sull’health insurance, un mercato che vale a livello globale 2,7 miliardi di dollari. Ecco perché aumentano gli investimenti in startup. L’analisi di un venture capitalist per InsuranceUp

Nel solo 2019 verranno venduti 148 milioni di wearable device, dispositivi dotati di microprocessore interno che sono in grado di misurare e registrare le nostre attività: di 148 milioni, il 70% saranno smartwatch, seguiti da un 20% di fitness band e activity tracker.  

Uno dei risvolti più interessanti di questa tecnologia in enorme diffusione è la connessione con il mondo assicurativo. Da una parte molti brand wearable stanno sviluppando business model che coinvolgono il mondo delle aziende per raggiungere margini di profitto non solo legati alla vendita dell’hardware. Dall’altra sono le stesse assicurazioni che iniziano a guardare al mondo dei wearable per innovare la propria offerta e competere nell’affollato mercato dell’health insurance.  (continua)


* Paolo Gesess è managing partner di United Ventures

Paolo Gesess

Articoli correlati