5 motivi per utilizzare carte prepagate in azienda | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

CONTABILITÀ

5 motivi per utilizzare carte prepagate in azienda

11 Set 2017

Diminuzione dell’utilizzo del contante, budget di spesa sempre sotto controllo, tracciabilità e trasparenza delle spese. Ecco perché le aziende dovrebbero utilizzare questo strumento di pagamento per gestire la contabilità

Sulla rivoluzione messa in atto dal digitale nel campo dei pagamenti si discute ogni giorno. Secondo l’edizione 2017 del Global Banking Distribustion & Marketing Consumer Study elaborato da Accenture, l’offerta futura di un settore in costante evoluzione come quello delle banche dovrà essere sempre più centrata sull’utente e sulle sue esigenze. Per questo, le strategie messe in atto dagli istituti di credito puntano sempre di più a conoscere i gusti dei clienti e a definire un piano d’azione basato sul concetto di “customer experience”. In altre parole, quello che si potrebbe profilare da qui a breve è un modello bancario con meno filiali, più servizi e con il digitale a dominare la scena.

E di servizi digitali, in ambito pagamenti, stanno già facendo il pieno buona parte delle piccole e medie imprese italiane. Tra i principali obiettivi c’è il miglioramento della gestione delle spese aziendali, ma anche la possibilità di garantire maggiore autonomia di spesa a dipendenti e collaboratori. A spingere le aziende in questa direzione sono soprattutto le nuove soluzioni presenti sul mercato: tra questa c’è Soldo Business, servizio che permette di aprire un conto spese multiutente per le aziende, con la possibilità di dotare i dipendenti di carte di credito prepagate, sicure e gestibili tramite una semplice app. D’altra parte, secondo i dati di settore più recenti, è in continua crescita l’utilizzo di questa tipologia di supporto al pagamento. Ecco cinque motivi per cui è utile utilizzare le carte prepagate in azienda.

1 – Minore rischio nell’utilizzo dei contanti
Utilizzare il contante è ancora una pratica di uso comune tra le aziende. Capita spesso infatti che un dipendente debba utilizzare il proprio denaro, salvo poi farsi rimborsare, o ricorrere ad anticipi di cassa per far fronte a spese indispensabili per il corretto funzionamento della macchina aziendale. Le cose si complicano poi quando il business è di grandi dimensioni, perché il processo di verifica di scontrini e note spese diventa sempre più complesso. Senza dimenticare che operare con il contante comporta l’aumento di furti e smarrimenti.

2 – Abbattimento dei costi
Vi è mai capitato che, durante una trasferta di lavoro, un dipendente perda uno scontrino? Se la risposta è sì, sapete anche quanto sia difficile (quando è possibile) riuscire a recuperalo. È il tipico caso in cui chi si occupa contabilità deve mettere in conto utilizzo di risorse extra sia dal punta di vista temporale che economiche. L’utilizzo di carte prepagate collegate direttamente a un’applicazione rende tracciabili e trasparenti le spese praticamente in tempo reale, fornendo un quadro preciso delle uscite da parte di ogni impiegato.

3 – Denaro sempre disponibile
Tra i principali vantaggi dell’utilizzo di carte prepagate gestite tramite un’applicazione c’è sicuramente la possibilità di trasferire denaro agli utenti gratis in qualsiasi momento, definendo i limiti di spesa e i budget. Tutto garantendo sicurezza e trasparenza, grazie alla funzione blocco e sblocco istantaneo delle carte.

4 – Una carta per ogni esigenza
Grazie ai servizi di Soldo è possibile assegnare una o più carte a ciascun individuo, ma anche creare carte dedicate per tipologie di spesa. In questo modo sarà possibile trattare ogni spesa separatamente e aver contezza dei movimenti economici di ciascun ambito aziendale.

5 – Budget sempre sotto controllo
Altro vantaggio legato all’utilizzo di carte prepagate è la possibilità di tenere sempre traccia di tutte le spese e accedere in ogni momento al saldo. In questo modo chi si occupa della contabilità diventa un vero e proprio regista delle attività di spesa di dipendenti e collaboratori.

Articoli correlati