Lovli, il Talent Store del design italiano | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Lovli, il Talent Store del design italiano

di Francesco Signor

16 Set 2013

Una piattaforma web che coniuga l’e-commerce e la creatività del made in Italy. È stata creata da due giovani che hanno mollato una carriera all’estero per puntare sullo stile italiano. Nonostante la difficoltà di fare startup nel nostro Paese. “La genialità italiana è sapersi arrangiare”

Alberto Galimberti, co-fondatore di Lovli.it
Una volta c’erano i talent scout, poi sono arrivati i talent show, ora è il turno dei talent store. E’ il caso di Lovli, una piattaforma web che coniuga le offerte tipiche dell’e-commerce con il racconto suggestivo dei più o meno noti creativi del design Made in Italy. La start-up, ideata da Tiziano Pazzini e Alberto Galimberti, due trentenni con esperienze all’estero e in grandi multinazionali, è sbarcata sul web con la versione Beta nel luglio 2012, circoscrivendo la fase di test attorno a una pattuglia di circa 5mila utenti.

Ora ne contano oltre 100mila e si definiscono “il più grande network italiano di designer, artigiani e aziende di design, con oltre 400 realtà già presentate”. Hanno investito circa 75 mila euro nel progetto, raccogliendo il denaro tra amici e parenti che ora detengono piccole quote della società. In termini di fatturato la startup muove tra i mille e i duemila euro al giorno e punta a raggiungere il primo milione di euro entro qualche mese.

I risultati in Italia, sostiene Alberto Galimberti, sono stati molto positivi, anche se a trainare la crescita è l’estero, soprattutto dopo il lancio della versione inglese del sito lo scorso maggio. Su Lovli, ogni giorno, è possibile scoprire un designer diverso che viene presentato sull’home page e raccontato con interviste, immagini e contenuti video. Per gli appassionati dello stile italiano c’è un’ampia scelta di mobili, accessori, oggetti e complementi d’arredo per interni ed esterni, caratterizzati da offerte a tempo scontate fino al 70%, di quella variegata tribù di creativi che rappresentano l’humus dal quale nasceranno i talenti del futuro design italiano. Il co-fondatore Alberto Galimberti ci racconta tutto sulla startup.

Come è nata l’idea di Lovli?
Lovli.it è un progetto italiano al 100%, anche se è nato a cavallo tra New York e il Lussemburgo. Sia io che Tiziano (Pazzini, l’altro co-fondatore di Lovli – ndr), vivevamo all’estero da molti anni e avevamo delle carriere ben avviate quando, contrariamente al trend diffuso che porta molte persone a lasciare l’Italia per motivi professionali, lo scorso anno abbiamo deciso di rientrare e puntare tutto su questo progetto. In Italia esiste una riserva di talento senza uguali per quanto riguarda il design e questo grazie al genio dei nostri creativi e alla sapienza dei nostri impareggiabili artigiani. Un potenziale che però non è adeguatamente sfruttato. Può capitare, ad esempio, che un designer non abbia il tempo, l’esperienza o semplicemente le risorse per comunicare in modo efficace le sue creazioni. Quello che facciamo con Lovli è mettere a disposizione uno spazio virtuale dove i migliori designer possano arrivare a quante più persone possibile. Insomma, in un’epoca in cui il design si è avvicinato al grande pubblico, noi abbiamo deciso di fare un passo in più, offrendo a prezzi convenienti il meglio del vero design italiano. Perché, come ci piace ripetere quando si parla di design, restiamo convinti di una cosa: gli italiani lo fanno meglio!”.

Il modello di business è quello tipico di un sito di e-commerce?
Esattamente. Vendiamo alla nostra community i prodotti dei nostri designer, la maggior parte delle volte a prezzi scontati, e tratteniamo il nostro margine prima di retrocedere ai designer e ai fornitori in genere la loro quota.

Quali sono i vostri obiettivi a medio-lungo periodo?
Il mercato dell’arredamento online è stimato già oggi oltre 2 miliardi di dollari e continua a crescere ogni anno a doppia cifra. Inoltre, aumenta velocemente anche la percentuale di persone che, invece di acquistare i mobili nei negozi, preferiscono farlo su Internet, sia per risparmiare e sia perché il web consente di scoprire prodotti originali, che difficilmente trovano spazio e distribuzione sul mercato “mainstream”. Con Lovli stiamo mettendo le basi per costruire un business importante, nell’arco di circa 5 anni, con l’obiettivo di fare per il design quello che Yoox ha fatto per la moda. 

Per la crescita di Lovli state guardando anche a potenziali investitori esterni?
Sì, stiamo valutando l’interessamento di alcuni potenziali investitori per accelerare la crescita ed espandere il team.

Nel nostro Paese fare startup non è sempre facile. Quali difficoltà avete incontrato?
Al di là delle solite questioni, come le tasse o la burocrazia, a me ha colpito quella che si potrebbe definire una “tassa sul tempo.” Mi spiego: noi passiamo circa il 25-30% del nostro tempo a occuparci di questioni amministrative, dai rapporti con le banche a quelli con i commercialisti e i notai. Avendo vissuto per diverso tempo a New York, posso affermare che negli Stati Uniti questa percentuale non va oltre il 10%. Competere a livello internazionale in queste condizioni diventa difficile, ma non impossibile. Perché, in fondo, la genialità italiana è sempre stata quella di “sapersi arrangiare”, facendo meglio degli altri con le poche risorse disponibili.

Francesco Signor

Articoli correlati