Ernesto Ciorra (ENEL): l'innovazione non si dice, si fa | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ECONOMYUPTV

Ernesto Ciorra (ENEL): l’innovazione non si dice, si fa

di Redazione EconomyUp

26 Giu 2015

Parte il secondo bando INCENSe. Il responsabile Innovazione e Sostenibilità racconta come si fa open innovation nel gruppo energetico, a partire dalle startup. Con una premessa: “Chi dice di essere innovativo, smette di essere innovativo”. E una precisa indicazione: gli incentivi economici per chi coinvolge startup

Secondo bando di INCENSe, l’acceleratore per energie e tecnologie verdi gestito da ENEL insieme alla controllata spagnola Endesa, all’incubatore danese Accelerace e quello polacco FundingBox. Si concluderà con la scelta di 28 startup – il doppio del precedente – che avranno un contributo fino a 150mila euro. I progetti devono essere essere sviluppati nei settori efficienza energetica, domoticaenergie rinnovabili, smart grid, accumulo di energia, soluzioni avanzate per diagnosi e automazionemobilità elettricasicurezza informatica e digitalizzazione attraverso l’Ict.

Ernesto Ciorra, responsabile Innovazione e Sostenibilità, in questa intervista spiega come è organizzata l’innovazione nel gruppo Enel

Per approfondire il tema dell’open innovation, conoscerla e soprattutto capire come guidarla e trarne vantaggio, si può far riferimento all’iniziativa del Gruppo Digital360: una piattaforma che a 360° tocca tutti i temi dell’innovazione aperta


 

Redazione EconomyUp

Articoli correlati