Arriva il Rottamatore, ma per le nuove imprese serve continuità | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Governo Renzi

Arriva il Rottamatore, ma per le nuove imprese serve continuità

15 Feb 2014

Nei ministeri chiave per il mondo delle startup si è formato un team di funzionari convinti e capaci, che sono riusciti in 24 mesi a concretizzare importanti provvedimenti. Non è stato facile e adesso sarebbe un errore ricominciare da zero. Anzi il modello andrebbe preso ad esempio per altri settori

“Ho sempre pensato che un buon criterio per giudicare le persone fosse vedere di quali persone si circondano. Mi sa che servirà nei prox giorni”. Il metodo proposto su Facebook da Alessandro Fusacchia, consigliere dell’ex ministro degli Affari Esteri Emma Bonino, tornerà utile nei prossimi giorni quando i ministri del nuovo governo guidato dal “rottamatore” Matteo Renzi e, soprattutto, dovranno scegliere gli uomini per la gestione del duro lavoro quotidiano, quello che non si vede ma, se trascurato o fatto male, può vanificare grandi impegni o far accumulare imbarazzanti figure di m…, diciamo gaffe, come è accaduto a diversi freschi ex ministri.

C’è una parola che nelle ore dopo le dimissioni di Enrico Letta ha circolato in maniera ossessiva: discontinuità. Tutti la chiedono, seppure la maggioranza sia destinata a restare la stessa e la squadra di governo non brilla per soluzioni particolarmente originali. Ma c’è un settore in cui invece serve continuità ed è quello delle startup, che anzi dovrebbe essere preso a modello per altri ambiti, anche contigui, dove non si riesce o si fa a fatica a passare dalle parole ai fatti.

Sono stati mesi davvero importanti gli ultimi 24 per l’ecosistema italiano della nuova imprenditorialità. Sono state fatte molte cose, in un’insolita continuità tra l’esecutivo guidato da Mario Monti e quello del suo successore. Nel 2013 e nei primi mesi di quest’anno si sono raccolti frutti consistenti del lavoro avviato dalla task force voluta dal ministro Corrado Passera: il regolamento del crowfunding, il registro delle startup innovative, gli sgravi e le semplificazioni sul lavoro, le agevolazioni fiscali per chi investe in startup, arrivati ad attuazione pochi giorni fa. E altro ancora, come si può vedere nel bilancio preparato dal Ministero dello sviluppo economico e lanciato con orgoglio su Twitter dal capo della segreteria tecnica Stefano Firpo.

Come ha fatto notare lo stesso Firpo in alcune occasioni pubbliche, dei due grandi capitoli del Decreto Crescita 2.0, Agenda Digitale e StartUp, solo il secondo è stato sfogliato fino in fondo. E questo è accaduto perché si è formato un team trasversale di funzionari convinti e competenti che  hanno lavorato per mettere a terra promesse e progetti. Non è stato facile e, per fortuna, non si può tornare indietro a meno che non venga rimesso in discussione il nuovo quadro normativo. Ma non si può correre il rischio di rallentare la marcia o condurre fuori strada un veicolo che è stato appeno messo in pista. Sarebbe un errore imperdonabile se il premier Renzi finisse per “rottamare” anche quel che di buono è stato fatto.

di Giovanni Iozzia

  • EzioP1

    Che qualcosa si sia fatto non lo metto in dubbio, sarebbero da cacciare tutti se non fosse così, ma a fronte degli oltre 400 decreti attuativi che non sono stati emessi per rendere efficaci i decreti emanati dal governo forse qualche dubbio dovrebbe nascere e sarebbe pienamente giustificato. Non vedo come si possa elogiare l’organizzazione amministrativa dello stato a fronte di ritardi e forse gravi omissioni della stessa.

Articoli correlati