Decreto Rilancio: 20 milioni per il Centro per l'innovazione nell'automotive a Torino | Economyup

MOBILITÀ SOSTENIBILE

Decreto Rilancio: 20 milioni per il Centro per l’innovazione nell’automotive a Torino



Il Decreto Rilancio del 20 maggio 2020 prevede la creazione di un polo di eccellenza per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico nel settore automotive nell’area di crisi industriale complessa di Torino. Focus su auto elettrica, guida autonoma e AI. Il progetto sarà definito tramite un regolamento

20 Mag 2020


Un centro per l'innovazione nell'automotive nel Decreto Rilancio

Avrà sede a Torino e una dotazione iniziale di 20 milioni di euro il nuovo Centro per  per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico nel settore automotive. La sua creazione è stata decisa nell’ambito del Decreto Rilancio presentato il 13 maggio dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 20 maggio 2020. Nelle intenzioni del governo, il Centro sarà un polo di eccellenza per la ricerca e si concentrerà sulle nuove forme di mobilità quali la mobilità elettrica, la guida autonoma e le applicazioni dell‘Intelligenza Artificiale al settore. Serve però un regolamento attuativo per definire il progetto, da pubblicare entro 120 giorni.

Decreto Rilancio e automotive

Il Decreto Rilancio prevede un insieme di risorse pari a 54,9 miliardi di euro per sostenere la ripartenza economica dell’Italia dopo il lockdown e la crisi causata dalla pandemia da coronavirus.  Tra i vari provvedimenti ce n’è appunto uno che punta al rilancio del settore automotive, gravemente provato dal blocco totale delle attività dovuto al Covid-19. Eccolo.

Art.  49: un polo d’eccellenza per ricerca e formazione

L’articolo prevede la creazione di un polo di eccellenza per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico nel settore automotive nell’area di crisi industriale complessa di Torino.

Nell’ambito del programma green new deal e del Piano Transizione 4.0, al fine di favorire i processi di transizione ecologica nei settori della mobilita sostenibile pubblica e privata e la competitività dell’industria dell’automotive, è autorizzata la spesa di 20 milioni di euro per l’anno 2020 per la realizzazione di un’infrastruttura di ricerca di interesse nazionale denominata “Centro nazionale per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico nel campo della mobilitàe dell’automotive” con sede a Torino. Il finanziamento è erogato nel rispetto delle condizioni di cui all’articolo 26 regolamento (UE) n. 651/2014.

Il Centro per l’innovazione nell’automotive stabilito dal Decreto Rilancio favorisce la collaborazione con istituti di ricerca nazionali ed europei, garantendo l’ampia diffusione dei risultati delle ricerche e il trasferimento delle conoscenze, anche mediante attività d’insegnamento e formazione. Il Centro favorisce e organizza attività di ricerca collaborativa tra imprese e altri centri di ricerca, dimostratori tecnologici anche attraverso la realizzazione di linee pilota sperimentali per la dimostrazione di tecniche di produzione e per la sperimentazione di nuove forme di mobilità, ivi comprese la mobilità elettrica, la guida autonoma e ulteriori applicazioni dell’Intelligenza Artificiale al settore della mobilità in genere.

21 luglio ore 10.30
Ascolta Federico Frattini sul futuro della Smart Energy!Partecipa al live streaming Innovation2live

Con regolamento adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 1 della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, sentito il Ministro dell’Università e della Ricerca, da pubblicare entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono individuati i termini e le modalità di presentazione della proposta progettuale, le modalità di attuazione dell’intervento e di realizzazione dell’infrastruttura logistica e per l’erogazione delle risorse finanziarie e il monitoraggio sull’esecuzione del progetto.

Agli oneri derivanti dal presente articolo, pari a 20 milioni di euro per l’anno 2020, si provvede ai sensi dell’articolo 265.