Corporate venture capital: Renault, Nissan e Mitsubishi lanciano un fondo da 1 miliardo | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OPEN INNOVATION

Corporate venture capital: Renault, Nissan e Mitsubishi lanciano un fondo da 1 miliardo

18 Gen 2018

Dalla partnership franco-giapponese nasce Alliance Ventures: 200 milioni l’anno fino al 2022 per progetti focalizzati sulla nuova mobilità: elettrificazione, sistemi autonomi, connettività e intelligenza artificiale. Primo investimento: Ionic Materials, società USA che sviluppa un materiale rivoluzionario per le batterie

New Entry nel mondo del corporate venture capital. La partnership strategica franco-giapponese tra Renault-Nissan e Mitsubishi, la più grande alleanza del mondo automotive, ha annunciato il lancio di Alliance Ventures, un nuovo fondo VC (alla cui guida è stato posto François Dessa) il cui obiettivo è quello di investire nei prossimi 5 anni fino a un miliardo di dollari per supportare iniziative di open innovation.

Nel primo anno di attività, secondo una nota dell’Alleanza, il fondo dovrebbe investire fino a 200 milioni in startup e partnership per l’open innovation focalizzate sulla nuova mobilità (elettrificazione, sistemi autonomi, connettività e intelligenza artificiale), investendo poi 200 milioni l’anno fino al 2022. “Il nostro approccio all’open innovation – sottolinea Carlos Ghosn, presidente e CEO di Renault-Nissan-Mitsubishi – ci consentirà di investire e collaborare con imprenditori e startup che beneficeranno della dimensione globale dell’Alleanza. Questo nuovo fondo riflette del resto lo spirito collaborativo e imprenditoriale che è il cuore della partnership”.

Del resto, che il corporate venture capital fosse uno degli strumenti più utilizzati dalle grandi società per non perdere il treno dell’innovazione, non è certo una novità. Già nel 2015, infatti, erano stati registrati investimenti record dalle multinazionali.

 

Corporate Venture Capital, dalle multinazionali investimenti record nel 2015

In particolare, nel settore automotive, il cvc è uno strumento utilizzato per accelerare la trasformazione digitale dell’auto, che richiede una sempre più stretta collaborazione tra i grandi player e le giovani imprese che propongono soluzioni innovative.

Il futuro dell’auto: i progetti di tutti i grandi costruttori da qui al 2020

Il fondo di, i cui investimenti saranno decisi e monitorati da un comitato dedicato, sarà finanziato con una quota paritaria del 40% ciascuno da Renault e Nissan, e per il restante 20% da Mitsubishi, con l’obiettivo, chiarisce Ghosn, “di attrarre nell’orbita dell’Alleanza le più promettenti start up tecnologiche nel mondo dell’automotive”. Non è ancora stato deciso dove Alliance Ventures avrà sede, ma è probabile che sarà co-locato nella Silicon Valley, a Parigi, a Yokohama e a Pechino, cioè nelle immediate vicinanze dei centri di ricerca e sviluppo dei membri dell’Alleanza e alle aree dove gli ecosistemi tecnologici sono maggiormente innovativi.

Leonardo (ex Finmeccanica), l’open innovation crescerà con il corporate venture capital

La prima scommessa del fondo, spiega Alliance Ventures, sarà un investimento strategico su Ionic Materials, una “promettente azienda statunitense che sta sviluppando polimeri per batterie a stato solido senza cobalto”, un materiale rivoluzionario che consentirà di “migliorare le performance e i costi delle batterie ad alta energia per il settore automotive e per altre applicazioni”.

 

Guarda anche l’intervento di Michele Padovani di EY sul CVC

  • 81 Share
Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati