Climate tech: perché Volkswagen lancia un fondo di venture capital per la decarbonizzazione - Economyup

CORPORATE VENTURE CAPITAL

Climate tech: perché Volkswagen lancia un fondo di venture capital per la decarbonizzazione



Con una dotazione iniziale di 300 milioni di euro, il fondo sarà usato per investire in progetti di decarbonizzazione e startup

24 Set 2021


Photo by Erik Mcleana on unsplash.com

In corsa per la sostenibilità, anche Volkswagen salta sul treno del Corporate Venture Capital. La casa automobilistica tedesca ha annunciato a settembre 2021 il lancio di un fondo di venture capital con una dotazione iniziale di 300 milioni di euro, da investire in progetti di decarbonizzazione e startup.

Volkswagen, un fondo di venture capital per la decarbonizzazione

La dichiarazione viene da Herbert Diess, amministratore delegato di Volkswagen.

“La decarbonizzazione renderà molte cose più convenienti, non più costose”, ha commentato Diess in un articolo su LinkedIn incentrato sugli effetti del cambiamento climatico e gli sforzi di Volkswagen per ridurre le emissioni.

WHITEPAPER
Crowdfunding: cos'è, come funziona e le migliori piattaforme

La cattura del carbonio per rimuovere la CO2 è fattibile, ma non ancora su larga scala, ed è ancora molto costosa,” si legge nell’articolo. Per questo motivo Volkswagen ha deciso di spingere sull’innovazione, aprendosi alla collaborazione e al finanziamento di attori esterni.

Quello del corporate venture capital è un fenomeno che continua a crescere in Europa, sebbene buona parte degli investimenti arrivino dagli USA, e può essere un valido strumento per perseguire obiettivi strategici di presidio e sviluppo di nuove tecnologie o nuovi modelli di business, accedendo a nuove competenze, idee e tecnologie all’esterno del perimetro aziendale.

Volkswagen per la transizione sostenibile

“La nostra generazione – che ora è alle leve del potere e può guidare il cambiamento – ha la responsabilità di consentire alle generazioni future di vivere su questo pianeta in pace e sicurezza sociale ed economica” afferma Diess nell’articolo, “Finora, le nostre azioni non sono state abbastanza coerenti; c’è molto di più che si potrebbe fare per combattere il cambiamento climatico. Molti concetti tecnici sono pronti per l’uso. L’azione politica e il potere di plasmare il cambiamento sono indispensabili.”

“Gli analisti di Goldman Sachs stimano che un totale di 56 trilioni di dollari saranno investiti in infrastrutture green entro il 2032” continua Diess “il che rende questo settore la più grande area di crescita. Sempre più industrie stanno riconoscendo le sue opportunità, e anche investitori come Bill Gates stanno finanziando importanti progetti di sostenibilità. Il business case finanziario sta accelerando il cambiamento”.

Maura Valentini

Laureata in lingue orientali, sono un'amante di Giappone e innovazione. Parte del gruppo Digital360 dal 2020, scrivo per le testate EconomyUp, InsuranceUp e Proptech360.