Auto, ora le concessionarie possono venderla su WhatsApp. Ecco come | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DIGITAL TRANSFORMATION

Auto, ora le concessionarie possono venderla su WhatsApp. Ecco come

15 Mag 2018

La prima piattaforma che rende il processo di acquisto della macchina sempre più digitale e interattivo messa a punto da una scaleup, MotorK: si chiama 1to1 sales e permette di gestire la trattativa completamente online, dalla richiesta di preventivo fino all’acquisto

Comprare l’auto? Bastano un click e una chat. Tra i nuovi trend che riguardano il settore automotive c’è un nuovo modo di acquistare l’auto, sempre di più online e sempre meno in un punto vendita fisico. Ma non solo. Oggi la macchina si compra in chat, discutendo con la concessionaria via WhatsApp e firmando il contratto di acquisto con un dito: un’opportunità reale a disposizione di concessionari e clienti, nel nuovo come nell’usato.

A lanciare l’idea è MotorK , azienda italiana attiva nel mercato europeo del digital automotive, che ha lanciato sul mercato la prima piattaforma dedicata alle concessionarie per vendere online le auto: uno strumento in grado di far gestire in Rete tutte le fasi della trattativa, dalla richiesta di preventivo fino all’acquisto vero e proprio.

Il nuovo prodotto digitale si chiama 1to1 sales e rappresenta un passo in avanti rispetto alle attuali forme di e-commerce di automobili. Mentre queste permettono solo di bloccare l’auto pagando un acconto (e dunque costringendo ad una fase successiva offline di definizione dell’acquisto), il sistema 1to1 sales copre digitalmente anche il processo di trattativa, finora relegato al telefono o all’incontro “fisico” in concessionaria, permettendo una conversazione virtuale altrettanto efficace.

Automotive, 7 tendenze che stanno rivoluzionando le quattro ruote

Perché comprare l’auto online

Alla domanda “perché non compriamo anche l’auto online?”, la risposta più comune è proprio legata all’impossibilità di gestire la trattativa sul prezzo con il venditore e, più in generale, la relazione con quest’ultimo. Spostando in Rete il processo complessivo di interazione tra acquirente e concessionario, tanto chi compra quanto chi vende potrà decidere quali aspetti gestire online e quali offline, in un processo on/off possibile grazie all’omnicanalità. Ad esempio, chi compra potrà interagire con la concessionaria nell’orario che gli è più comodo – cosa ormai indispensabile se consideriamo che il 44% dei contatti ricevuti dai siti delle concessionarie nell’arco di un giorno avvengono in ore non lavorative.

E se toccare con mano l’automobile è importantissimo per il 53% degli italiani, la nuova piattaforma offre la possibilità di realizzare un tour virtuale della macchina o una videochiamata con il venditore in concessionaria: in questo modo si compensa questo bisogno, o si può fare la prima scrematura a cui far seguire la visita dal vivo. Il risultato è un’interazione sempre più complessa che da un lato ottimizza i tempi, dall’altro migliora il processo di scelta della vettura giusta ricalcando i processi dell’e-commerce tradizionale.

Auto, il 75% degli italiani sceglie sul web che cosa comprare. Ecco il percorso digitale

Il ruolo del concessionario

Il ruolo del concessionario, in un approccio simile, si trasforma in quello di un vero e proprio “consigliere”: questi può gestire la trattativa proponendo differenti veicoli e soluzioni di pagamento, valutando la macchina in permuta, offrendo optional e sconti e informazioni sulle variazioni di prezzo dell’auto. Il cliente viene aggiornato in tempo reale, con notifiche sull’andamento della trattativa, attraverso sms, email e strumenti di messaggistica istantanea.

Il sistema di check out, infine, permette all’utente di acquistare davvero il veicolo, firmando digitalmente il contratto e inviando la caparra confirmatoria con PayPal o carta di credito.

«Le iniziative di marketing presentate negli ultimi anni ci hanno dimostrato che è già possibile configurare e comprare un’auto online dichiara Marco Marlia, fondatore e CEO di MotorK, società proprietaria del marchio DealerK – ma quello che mancava era uno strumento di supporto al business dei dealer, che permettesse di gestire online tutti i processi e di confermare il loro ruolo di consulenti all’acquisto. Al contempo, questa tecnologia è un’opportunità in più per chi sta cercando un’auto, perché permette la totale libertà di gestione delle pratiche, alternando azioni online e azioni nel punto vendita. In questo modo, preserviamo la dimensione emotiva e relazionale della compravendita dell’auto».

Mercato dell’auto, ecco come la digitalizzazione cambia tutto

Come funzionano le 1to1 sales

Ecco come funziona il nuovo sistema lanciato da Motork

  • L’utente è sul sito della concessionaria e richiede un preventivo per un veicolo, nuovo o usato;
  • Il venditore prende contatto con il cliente per supportare l’acquisto e inizia la trattativa con l’utente inviando, tramite la funzionalità 1to1 sales, un link privato via email, chat o sms;
  • In qualsiasi momento, l’utente può contattare il venditore per richiedere informazioni, mandare o ricevere foto, prendere appuntamento in concessionaria, prenotare test drive e mandare richiesta di valutazione permuta;
  • Il venditore può sapere a quali offerte il cliente è più interessato e quanto è realmente orientato all’acquisto, può creare un’offerta ad hoc con informazioni, sconti personalizzati e servizi aggiuntivi, chiarendo tutti i dubbi direttamente online;
  • Il sistema è integrato con un sistema di messaggistica istantanea;
  • Possibilità di alternare interazione online con interazione offline, in un continuum;
  • Qualora il venditore non potesse rispondere, potrà impostare una comunicazione automatizzata con un Chatbot.

Articoli correlati