Vodafone lancia il primo "etilometro via smartphone" grazie a una startup | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sicurezza stradale

Vodafone lancia il primo “etilometro via smartphone” grazie a una startup

16 Apr 2015

L’azienda telefonica ha incubato 2045 Tech, società fondata da due giovani veneti, e ora distribuisce la loro app Floome: scaricandola e collegando un dispositivo al telefonino, l’utente può sapere se ha esagerato con l’alcol. È lo stesso sensore usato dalle Forze dell’Ordine durante i controlli

Floome, l'etilometro ideato da 2045 Tech e lanciato da Vodafone
Vodafone lancia un’idea innovativa per la sicurezza stradale grazie a una startup. La startup si chiama 2045 Tech Srl, è stata fondata da due giovani veneti e propone Floome, il primo etilometro in Europa in grado di misurare il tasso alcolemico attraverso lo smartphone.

Funziona così: si scarica l’app, si inseriscono i dati relativi ad età, sesso, altezza e peso, poi si connette un piccolo e sofisticato etilometro chiamato appunto Floome allo smartphone con un jack nell’uscita delle cuffiette (non ha bisogno di batterie) e infine non resta che soffiare. Oltre a indicare il tasso di alcol nel sangue, Floome ne stima il tempo di smaltimento.

Compatibile con tutti gli smartphone dotati di sistema operativo iOS, Android e Windows, Floome utilizza lo stesso sensore comunemente usato dalle Forze dell’Ordine, basato su tecnologia proprietaria Vortex.

Floome, insomma, ha le carte in regola per diventare uno strumento importante per i tanti giovani che la sera escono e magari si fanno qualche drink. Attraverso la combinazione di app, smartphone ed etilometro possono controllare se hanno esagerato ed eventualmente far guidare altri al proprio posto.

Sempre attraverso l’app è possibile contattare con rapidità il servizio taxi più vicino o conveniente, trovare un locale nelle vicinanze dove mangiare qualcosa oppure accedere ad una rubrica di amici fidati per farsi dare un passaggio a casa.

La tecnologia è piaciuta a Vodafone, che l’ha sposata e sta per lanciarla sul mercato. I suoi ideatori sono il Ceo Fabio Penzo, 27 anni, di Caorle (Venezia) e il Cto Marco Barbetta, 26 anni, di Piove di Sacco (Padova). Membro del board è Luca Escoffier, già studente alla Stanford Law School e oggi Ceo di Usque Ad Sidera.

Penzo e Barbetta si sono conosciuti all’Università di Ingegneria di Padova, hanno approfondito la loro idea a Start Cube, incubatore universitario, e hanno poi deciso di fondare una srl nel 2013. A gennaio 2015 hanno partecipato al Ces di Las Vegas, fiera mondiale dell’elettronica, dove il loro prodotto ha riscosso l’apprezzamento del pubblico.

Vodafone è entrata in campo garantendo agli ideatori di Floome il programma di accelerazione Vodafone xone, che è l’acceleratore di Innovazione di Vodafone, lanciato in California nel 2011. In questo modo la startup ha potuto contare sul supporto e sull’expertise di Vodafone nelle fasi di sviluppo del prodotto e potrà beneficiare della forza commerciale dell’azienda.

Floome è disponibile in esclusiva presso i flagship store Vodafone Italia e nella sezione accessori dell’eShop di Vodafone Italia al prezzo promozionale di 49 euro. (L.M.)

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati