Vodafone lancia il primo "etilometro via smartphone" grazie a una startup | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Sicurezza stradale

Vodafone lancia il primo “etilometro via smartphone” grazie a una startup

di Redazione EconomyUp

16 Apr 2015

L’azienda telefonica ha incubato 2045 Tech, società fondata da due giovani veneti, e ora distribuisce la loro app Floome: scaricandola e collegando un dispositivo al telefonino, l’utente può sapere se ha esagerato con l’alcol. È lo stesso sensore usato dalle Forze dell’Ordine durante i controlli

Floome, l'etilometro ideato da 2045 Tech e lanciato da Vodafone
Vodafone lancia un’idea innovativa per la sicurezza stradale grazie a una startup. La startup si chiama 2045 Tech Srl, è stata fondata da due giovani veneti e propone Floome, il primo etilometro in Europa in grado di misurare il tasso alcolemico attraverso lo smartphone.

Funziona così: si scarica l’app, si inseriscono i dati relativi ad età, sesso, altezza e peso, poi si connette un piccolo e sofisticato etilometro chiamato appunto Floome allo smartphone con un jack nell’uscita delle cuffiette (non ha bisogno di batterie) e infine non resta che soffiare. Oltre a indicare il tasso di alcol nel sangue, Floome ne stima il tempo di smaltimento.

Compatibile con tutti gli smartphone dotati di sistema operativo iOS, Android e Windows, Floome utilizza lo stesso sensore comunemente usato dalle Forze dell’Ordine, basato su tecnologia proprietaria Vortex.

Floome, insomma, ha le carte in regola per diventare uno strumento importante per i tanti giovani che la sera escono e magari si fanno qualche drink. Attraverso la combinazione di app, smartphone ed etilometro possono controllare se hanno esagerato ed eventualmente far guidare altri al proprio posto.

Sempre attraverso l’app è possibile contattare con rapidità il servizio taxi più vicino o conveniente, trovare un locale nelle vicinanze dove mangiare qualcosa oppure accedere ad una rubrica di amici fidati per farsi dare un passaggio a casa.

La tecnologia è piaciuta a Vodafone, che l’ha sposata e sta per lanciarla sul mercato. I suoi ideatori sono il Ceo Fabio Penzo, 27 anni, di Caorle (Venezia) e il Cto Marco Barbetta, 26 anni, di Piove di Sacco (Padova). Membro del board è Luca Escoffier, già studente alla Stanford Law School e oggi Ceo di Usque Ad Sidera.

Penzo e Barbetta si sono conosciuti all’Università di Ingegneria di Padova, hanno approfondito la loro idea a Start Cube, incubatore universitario, e hanno poi deciso di fondare una srl nel 2013. A gennaio 2015 hanno partecipato al Ces di Las Vegas, fiera mondiale dell’elettronica, dove il loro prodotto ha riscosso l’apprezzamento del pubblico.

Vodafone è entrata in campo garantendo agli ideatori di Floome il programma di accelerazione Vodafone xone, che è l’acceleratore di Innovazione di Vodafone, lanciato in California nel 2011. In questo modo la startup ha potuto contare sul supporto e sull’expertise di Vodafone nelle fasi di sviluppo del prodotto e potrà beneficiare della forza commerciale dell’azienda.

Floome è disponibile in esclusiva presso i flagship store Vodafone Italia e nella sezione accessori dell’eShop di Vodafone Italia al prezzo promozionale di 49 euro. (L.M.)

Redazione EconomyUp

Articoli correlati