Startup, l'ecosistema cresce in Europa ma non in Italia | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il report

Startup, l’ecosistema cresce in Europa ma non in Italia

25 Nov 2015

Secondo i dati elaborati da Slush e Atomico Ventures, negli ultimi due anni sono sbarcate in Borsa più startup nel Vecchio Continente che negli Stati Uniti e in Cina, e le exit hanno raggiunto livelli paragonabili a quelli del resto del mondo. Ma l’Italia è ancora ai margini ed è praticamente assente dal report

Per gli startupper europei questo è il migliore momento della Storia per fare l’imprenditore in Europa: è quanto emerge dal rapporto sullo stato di salute dell’ecosistema tecnologico europeo redatto da Slush (una tra le maggiori conferenze europee, svoltasi pochi giorni fa a Helsinki, su startup e innovazione) e Atomico Ventures. Secondo il documento, basato sulle risposte fornite da 844 startupper, gli imprenditori hanno sempre più fiducia, anche perché il settore in Europa è in grande crescita, sia nell’ambito B2B sia in quello B2C: negli ultimi due anni sono sbarcate in Borsa più startup nel Vecchio Continente che negli Stati Uniti e in Cina, e le exit hanno raggiunto livelli paragonabili a quelli del resto del mondo. Ciononostante, le startup europee raccolgono un quinto dei finanziamenti rispetto a quelle americane, mentre gli investimenti tendono a concentrarsi intorno a cinque poli: Londra, Stoccolma, Mosca, Berlino e Parigi ne raccolgono quasi il 50%.

L’Italia, invece, è praticamente assente nel report: oltre a non essere tra i poli di attrazione degli investimenti, nel documento viene citata solo per la presenza dello Startup Visa (il permesso di soggiorno agevolato) e per il numero di sviluppatori di applicazioni per dispositivi mobili (il nostro Paese si piazza a metà classifica). Un triste ritratto del nostro Paese. E un paradosso se si pensa che durante lo stesso evento a Helsinki è stato premiato come miglior giovane imprenditore digitale proprio un italiano, il 26enne Domenico Colucci, founder della startup Nextome.

Ecco il report in versione completa

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati