Startup, ecco che cosa cerca Sky in Italia | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Open innovation

Startup, ecco che cosa cerca Sky in Italia

30 Mag 2016

Il corporate venture capital del gruppo tv di Murdoch ha cominciato a fare scouting nel nostro Paese e presto dovrebbe chiudere la prima operazione. Aree di interesse: contenuti, advertising, data analytics, miglioramento della tecnologia. Niente media for equity. Nessun limite di budget. Dal 2014 realizzati 13 investimenti e 3 exit

Per le startup italiane piove una nuova opportunità dal “cielo”: Sky Ventures, il corporate venture capital di Sky nato per accelerare l’innovazione della piattaforma televisiva satellitare, ha cominciato a fare scouting anche nel nostro Paese ed è vicino a chiudere il primo investimento. Che cosa cerca? Come seleziona i progetti? Con quali modalità interviene? Lo ha raccontato nel corso di un incontro riservato agli operatori del cosiddetto ecosistema italiano: venture capitalist, incubatori, acceleratori. C’erano tra gli altri H-Farm, Nana Bianca, L Venture,  Digital Magics, 360 Capital, Polihub, United Ventures, Innogest.

Sky Ventures è attivo, tra Sylicon Valley e Londra, dal 2014, all’interno della funzione Corporate. In Italia è venuta a presentarlo la responsabile del team Emma Lloyd, che ha spiegato le logiche di investimento di Sky, illustrandole con le numerose operazioni già chiuse, e chiedendo ai suoi interlocutori un flusso mirato. In altre parole: madateci solo startup funzionali al nostro business, che possano aitarci a seguire l’evoluzione del nostro pubblico e della pubblicità. 

Nel corso dell’incontro il team italiano di SkyVentures ha messo diversi puntini sulle i: selezionamo startup con cui Sky ritiene di poter lavorare, prima si provano sul business,  poi decidiamo un eventuale investimento. Non abbiamo un budget e tantomeno un target: investiremo in Italia quel che l’Italia dimostrerà di saper meritare. Eppoi, una differenza non da poco rispetto a Mediaset: SkyVentures non fa e non farà “media equity”, niente quindi acquisto di quote in cambio di passaggi pubblicitari, sistema questo che spesso si presta a valutazioni generose e a una non semplice gestione nei rapporti con altri eventuali soci. 

Ma vediamo come dovrebbe essere le startup che intendono candidarsi per essere finanziate da Sky Ventures. E quali sono le startup già finanziate. Leggendo cosa fanno si può avere un’idea di che cosa interessa agli uomini di Mister Murdoch. 

Chi può candidarsi e come – Innanzitutto devono essere di due tipi: imprese digitali disruptive o nella fase early stage con potenziale di crescita nei settori verticali di Sky; o soluzioni di Customer Operations (call center, self-servive, fatturazione ecc. ecc.). Le aree di mercato rilevanti per Sky includono: creazione di prodotti e contenuti migliori; consegna più efficiente nell’advertising, nelle vendite e nel marketing; miglioramento della tecnologia e delle abilità di data analytics.

Cosa offre Sky alle startup – Una varietà di benefici ed expertise, tra cui: credibilità; supporto nella definizione delle strategie; una strada verso il mercato britannico e in generale i mercati europei; accesso a contenuti e talenti di alto livello; una potenziale fonte di investimento; supporto per esiti finanziari ed exit; un Board di osservatori esperti; follow-on degli investimenti. Non esiste di fatto un tetto agli investimenti: dopo aver scelto di puntare su una startup, Sky Ventures deciderà quanto investire. Potrebbe essere una cifra limitata oppure importante, dipenderà dalle scelte finanziarie e strategiche del gruppo. A differenza dell’analoga struttura di Mediaset, Ad4VenturesSky Ventures non offre media for equity, ma acquista quote della società sulle quali investe.

► Ecco che cosa c’è già nel portafoglio di Sky Ventures.

DataXu – Co-fondata e guidata da Mike Baker, è un provider di marketing analytics, data management e media activation software: attraverso collaborazioni con agenzie pubblicitarie e media agency aiuta coinvolgere in modo più pratico ed efficace i clienti attraverso tutti i loro dispositivi.

FuboTv – Co-fondata e guidata da David Gandler, è una piattaforma Ott di sport su abbonamento. Mescola reti dedicate allo sport live e canali specializzati negli Usa e in America Latina.

InCrowd – Co-fondata e guidata da Aidan Cooney, è una società di marketing sportivo e coinvolgimento dei fan da mobile, che sta migliorando l’esperienza di tifosi, club e sponsor all’interno degli stadi.

PlutoTv – Co-fondata e guidata da Tom Ryan, Pluto.TV è una piattaforma televisiva online che aggrega contenuti video da tutto il web e li programma all’interno di canali televisivi tematici.

Jaunt – Co-fondata e guidata da Jens Christensen, è specialista di video immersivi e sta sperimentando il futuro dello storytelling creativo attraverso la realtà virtuale cinematografica.

Roku – Fondata e guidata da Anthony Wood, Roku è una piattaforma in streaming per il trasferimento di video, musica e giochi alla tv: in sostanza una chiavetta che permette di far dialogare le normali tv con i servizi di video on demand in streaming. Ha lanciato il suo primo streaming nel 2008 e oggi offre in streaming centinaia di canali di intrattenimento a milioni di clienti.

Sharethrough – Fondata e guidata da Dan Greenberg, Sharethrough è pioniera del native advertising, offrendo software che consentono agli editori di monetizzare i loro siti e applicazioni con inserzioni pubblicitarie che sono “non-interruptive”, cioè sono simili dal punto di vista stilistico al contesto che le circonda.

TV4 Entertainment – Fondata e guidata da John Cody, è una media company Ott verticale che contiene un crescente portafoglio di canali televisivi di nicchia destinati a un pubblico internazionale.

ViXS – Guidata da Sohail Khan, è un provider di chip semiconduttori specializzati in soluzioni per media ad elevate performance.

Whistle Sports – Fondata e guidata da John West, è un social network legato al mono dello sport.

Finora Sky ha effettuato 3 exit: 1Mainstream, Beamly ed Elemental. In Elemental, società di software specializzata nella distribuzione di video multischermo, Sky Ventures aveva investito circa 4 milioni di dollari per una quota che non è mai stata rivelata. E’ uscita quando Elemental è stata rilevata per mezzo miliardo da Amazon Web Services nel settembre del 2015. In 1Mainstream, piattaforma video Ott che consente la distribuzione su una vasta gamma di dispositivi connessi a internet,  Sky aveva messo circa 5 milioni. Non si conosce la quota dell’equity iniziale, dunque non è nota la plusvalenza. Cisco ha rilevato l’intera società lo scorso ottobre per una cifra che oscillerebbe tra i 100 e i 150 milioni. In ambedue i casi, comunque, l’exit avrebbe dato ottimi frutti.

 

Articoli correlati