Le 16 startup italiane che incontrano all'Aquila il fondo di AngelList | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le 16 startup italiane che incontrano all’Aquila il fondo di AngelList

09 Mar 2016

Il 14 marzo al Tecnopolo d’Abruzzo Tiffany Norwood, Chief Opportunity Officer del VC californiano Rothenberg Ventures, che ha investito tra gli altri sulla nota piattaforma di startup, incontra un gruppo di nuove imprese per valutare un finanziamento. Dai droni che mappano il territorio alla raccolta robotizzata delle olive, ecco cosa fanno

Da San Francisco a L’Aquila a caccia di startup italiane da finanziare. Il fondo americano di venture capital Rothenberg Ventures fa rotta sull’Italia, al Tecnopolo d’Abruzzo, per incontrare nuove imprese promettenti, con particolare attenzione verso le realtà hi tech e quelle che si occupano di realtà virtuale e aumentata, settore privilegiato dal fondo.

Il fondo si occupa di finanziamenti ‘seed’, ovvero le prime partecipazioni finanziarie necessarie agli imprenditori per lanciare le proprie attività, con investimenti medi del valore di 200 mila dollari a startup. Ha investito, tra gli altri, su AngelList, principale piattaforma che collega gli investitori in early stage.

A rappresentare il fondo sarà Tiffany Norwood, Chief Opportunity Officer di Rothenberg Ventures, imprenditrice seriale che è stata tra le pioniere della radio digitale satellitare facendo parte del team originale di WorldSpace/XM Radio e tra i primi collaboratori nella tecnologia MPEG, in seguito conosciuto come MP3 e MP4.

L’incontro, organizzato in collaborazione con l’incubatore di imprese Digital Borgo, è in programma lunedì 14 marzo nella sede del Tecnopolo d’Abruzzo a L’Aquila (loc. Boschetto di Pile ss17) alle ore 15. A promuovere l’evento è l’imprenditore aquilano Alberto Leonardis, fondatore di diverse iniziative imprenditoriali.

Ecco i nomi e i progetti delle 16 startup selezionate tra le oltre 50 che si sono candidate per avere l’opportunità di partecipare: 

Telektra, utilizzo di laser da terra e di droni per la realizzazione del catasto, siti d’antenna e verifica scostamenti dai dati di progetto; 

Cyber Dyne, applicazione di intelligenza artificiale per risolvere problemi di progettazione industriale attraverso una piattaforma software basata su algoritmi avanzati e una struttura di distribuzione di rete e cloud; 

Gitais, analisi e riqualificazione di aree costruite, in particolare centri storici minori, con utilizzo di tecniche innovative geomatiche di rilievo; 

ARMnet, software per dispositivi mobili che integra realtà aumentata con i database aziendali per ridurre i tempi di assistenza e manutenzione sul qualsiasi tipologia di rete; 

AppTripper, progetta e sviluppa prodotti basati sulla realtà virtuale dedicati al settore turistico e museale; 

Viahow, portale che consente di comparare e scegliere il miglior mezzo o la miglior combinazione fra diversi mezzi di trasporto grazie a tecnologie di intelligenza artificiale; 

Termotag, dispositivo che, al contatto con la pelle, trasferisce la sensazione sia di caldo che di freddo, agendo come una sorta di aria condizionata/calorifero personalizzato; 

Giovanni Leonardis Welfare, progetto innovativo per lo sviluppo di sensori per il dolore;

Terpsìphoné, sistema brevettato per l’intrattenimento, l’educazione e la riabilitazione psico-motoria basata su un pavimento interattivo che amplifica ed elabora i suoni generati dai movimenti fatti su di esso,

sARface, piattaforma di social community e marketplace digitale per la virtualizzazione dei visi, permette di tracciare, virtualizzare e modificare il proprio viso e i visi di persone reali e non attraverso tecnologie di realtà aumentata e virtuale;

Mersiva, piattaforma web di visualizzazione interattiva e condivisione di contenuti 3D e scenari in realtà virtuale via desktop, mobile o visori di ultima generazione;

Olive, progetto innovativo per la raccolta robotizzata delle olive;

NrgSys, sviluppo e design di software innovativi, specializzati in ambito clinico e medicale;

Drone Group, servizi avanzati con droni per rilevamenti atmosferici, analisi ambientali e di aree a rischio e agricoltura di precisione; 

Eadrone, progettazione e realizzazione di droni;

Aria Wearables, progetto innovativo nel campo dell’Internet delle cose e delle tecnologie wearable per lo sviluppo di un plantare che regola la temperatura della suola collegato a una app che ne monitora i dati. 

Tanti giovani imprenditori, anche in Abruzzo, avranno l’opportunità di esporre i risultati e gli obiettivi delle loro imprese e avere una chance concreta di vederle finanziate”, dice Alberto Leonardis, che è anche fondatore della startup Giovanni Leonardis Welfare.

Rothenberg Ventures è interessata in particolare a imprese e startup operanti nel campo delle tecnologie avanzate, della realtà  virtuale e aumentata, dei droni, dell’esplorazione spaziale, dell’intelligenza artificiale, della robotica e delle nanotecnologie”, spiega Andrea Risa, direttore di Digital Borgo. “Stiamo già selezionando alcune delle startup più interessanti di questi settori sul territorio, ciascuna esporrà la propria attività e gli obiettivi di mercato e di sviluppo in un pitch di soli 5 minuti per convincere gli investitori a finanziare la propria crescita”. 

Articoli correlati