Startup Biomed Forum, torna a Torino il meeting nazionale delle imprese biomedicali | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Startup Biomed Forum, torna a Torino il meeting nazionale delle imprese biomedicali

di Redazione EconomyUp

15 Giu 2016

Il 22 e 23 giugno l’Associazione PNICube ospita la seconda edizione dell’evento dedicato alle giovani aziende innovative nel settore dei medical device. Tra i temi l’interazione con le strutture ospedaliere e la crescita attraverso partnership industriali

Come costruire un modello di business vincente, come interagire con le strutture ospedaliere, come accelerare la crescita attraverso le partnership industriali: sono i temi intorno ai quali ruoterà la seconda edizione dello Startup Biomed Forum, l’evento ideato dal presidente di NisoBiomed Paul Müller e promosso dall’Associazione degli Incubatori Universitari PNICube in collaborazione con Assobiomedica, BioPmed, Associazione Italiana Ingegneri Clinici (Aiic), Fondazione Democenter-Sipe, Anote Anigea e Associazione Professionale Italiana Consulenti di Management (Apco).

L’evento vedrà riuniti i prossimi 22 e 23 giugno a Torino, nella la sede di PNICube, presso l’incubatore del Politecnico i3P, i più importanti referenti del settore e le migliori startup biomedicali italiane ed estere. Un mercato, quello dei medical device, che si caratterizza per la forte propensione a innovare, come testimoniano le oltre 280 startup censite in Italia, ma in cui è ancora difficile affermarsi per le sue forti peculiarità.

I dati parlano infatti di un panorama vasto e variegato: oltre 50.000 addetti per un totale di circa 3.000 imprese in Italia, un tessuto imprenditoriale particolarmente complesso, una concentrazione geografica anomala (con il 60% delle imprese in 6 Regioni del Centro-Nord) e una grande eterogeneità di prodotti e tecnologie. In questo scenario diventa imperativo mettere a sistema privati, istituti, atenei e laboratori, e creare reti specialistiche con la massa critica oggi richiesta per una maggiore capacità competitiva.

È proprio da questa riflessione che nasce lo Startup Biomed Forum, per offrire ai partecipanti l’opportunità di confrontarsi su problematiche comuni, scambiarsi esperienze e best practice, creare collegamenti e promuovere future sinergie e collaborazioni. La seconda edizione vedrà la partecipazione di numerosi esperti tra cui Andrea Venturelli, Co-Founder di Invatec, che approfondirà nel suo keynote speech i passaggi chiave di una startup verso il successo. “Nel nostro Paese nascono numerose startup nel settore medtech, grazie anche alla presenza di una ricerca universitaria di alto livello e a un tessuto industriale che aiuta a passare facilmente dal laboratorio alla produzione” ha commentato Marco Cantamessa, presidente PNICube. “Lo Startup Biomed Forum nasce con l’obiettivo di permettere agli imprenditori del settore di confrontarsi e superare le difficoltà di accesso a un mercato non sempre aperto ad adottare prodotti e servizi innovativi. Personalmente auspico che si riesca presto ad assistere ai primi partenariati per l’innovazione previsti dal nuovo codice degli appalti, dando così sviluppo al settore e migliorando al contempo le prestazioni del sistema sanitario”. 

Redazione EconomyUp

Articoli correlati