Speed Mi Up, via al bando per 15 startup nell'incubatore | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La call

Speed Mi Up, via al bando per 15 startup nell’incubatore

05 Ott 2016

Aspiranti imprenditori e società nate negli ultimi 20 mesi hanno tempo fino al 10 novembre per candidarsi. Le idee vincitrici avranno accesso a 2 anni di incubazione a Milano e potranno usufruire di alcuni servizi per i successivi 5. Da oggi anche UBI Banca nella squadra dei partner. Previsto un canone mensile di 590 euro

Innovatività, solidità, internazionalità: sono le caratteristiche che le idee imprenditoriali e le startup devono avere per accedere ai servizi dell’incubatore milanese Speed MI Up, tramite il nuovo bando che si è aperto lunedì 3 ottobre per chiudersi giovedì 10 novembre.

Le imprese che supereranno la selezione entreranno in Speed MI Up, l’incubatore di Università Bocconi, Camera di Commercio e Comune di Milano, il 6 febbraio. Potranno così accedere a numerosi servizi a valore aggiunto: formazione e tutoraggio da parte dei docenti Bocconi e di Formaper, iniziative di networking one-to-one e collettive per incontrare gli investitori, nonché postazioni di lavoro e di rappresentanza. A differenza di altri incubatori, Speed MI Up non entra nel capitale della startup preservandone nel tempo il valore e la libertà imprenditoriale. Alcuni servizi sono offerti dai partner di Speed MI Up come UBI Banca (finanziamento, una new entry nella squadra Speed MI Up), PwC (consulenza su temi fiscali e legali), Mediamatic (piani di comunicazione digitale), Aruba (cloud computing), Innovhub (servizi per l’innovazione).

Avviato nel 2013, l’incubatore vanta già alcune storie di successo come Cercaofficina.it (ricerca preventivi online per riparazioni auto), D1 Milano (orologeria), One Tray (vassoi portaoggetti sponsorizzati per i check di sicurezza in aeroporto), Quattrocento (ecommerce di occhiali prodotti nel bellunese), Mind The Gum (integratore alimentare sotto forma di chewing gum) e Wash Out (servizio di autolavaggio a domicilio).

La selezione avverrà in base a un elevator pitch (in formato video di massimo 3 minuti), un business plan, il cv dei partecipanti e un eventuale colloquio. Online, nel sito di Speed MI Up, sono disponibili un videocorso di 12 ore su come elaborare un business plan e le istruzioni per la realizzazione del video.

Università Bocconi, Camera di Commercio di Milano e Comune di Milano, gli enti promotori di Speed MI Up, mettono a disposizione fino a 15 posti e il bando è diretto sia ad aspiranti imprenditori, sia a startup costituitesi negli ultimi 20 mesi. Le startup possono avere sede ovunque, ma dovranno trasferirla nella provincia di Milano entro tre mesi.

Il percorso di accompagnamento al mercato, nel corso del quale le startup potranno usufruire dei servizi offerti da Speed MI Up, si struttura secondo una formula “due più cinque”, che prevede due anni di incubazione vera e propria nelle sedi di via Gobbi 5 (per i primi sei mesi) e di via Achille Papa 30 (per gli altri 18) e altri cinque anni, nel corso dei quali le startup continueranno a usufruire di alcuni dei servizi messi a disposizione dall’incubatore. È previsto un canone mensile di incubazione quale compartecipazione ai costi pari a euro 590 per due anni. Per i cinque anni successivi c’è una quota annuale (annuale, non mensile) di 600 euro. Il bando completo è consultabile qui: http://www.speedmiup.it/media/documenti/bandospeedmiup-ottobre-2016.pdf

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati