Nuovo round per Colvin, startup dei fiori che piace anche a Moratti: ora è a quota 11 milioni
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL FINANZIAMENTO

Nuovo round per Colvin, startup dei fiori che piace anche a Moratti: ora è a quota 11 milioni



Arrivano altri due milioni di euro per l’e-commerce dei fiori. A ottobre 2018, al suo debutto in Italia, ne aveva ricevuti altri 6. Tra gli investitori Milano Investment Partners. La startup spagnola si prepara a rafforzare la sua presenza nel nostro Paese in un mercato che nel mondo vale 100 miliardi

12 Apr 2019


Colvin, la startup spagnola dei fiori a domicilio da un anno in Italia, ha ottenuto un nuovo round di finanziamento da 2 milioni di euro. A ottobre 2018 aveva chiuso un funding da 6 milioni di euro. In tutto, da quando è operativa nel nostro Paese, ha ottenuto 8 milioni di euro. La raccolta complessiva della startup raggiunge così quota 11 milioni a soli due anni dalla nascita. Espansione internazionale, investimenti in marketing e tecnologia sono le leve su cui Colvin punta per crescere e conquistare il mercato.

Colvin, l’e-commerce dei fiori conquista gli italiani

Italiani i protagonisti di questo round a supporto della crescita di Colvin. Dopo la fase di lancio del business ed il primo investimento guidato da P101 SGR lead investor, l’e-commerce dei fiori ottiene un ulteriore investimento da 2 milioni di euro. Subentrano il fondo di venture capital MIP (Milano Investment Partners) specializzato in Venture Growth il cui investment team è composto da Paolo Gualdani, Stefano Guidotti, Igor PezzilliAngelo Moratti come anchor investor. In esclusiva, la copertura mediatica sarà garantita da Mediaset Italia, che contribuirà ad accelerare e rafforzare la notorietà di Colvin in Italia attraverso campagne TV, durante i momenti più rilevanti per il settore come San Valentino, la Festa della Donna e la Festa della Mamma. Nel mercato spagnolo, grazie alla copertura media garantita da Mediaset Spagna nel Seed Round, la startup ha incrementato significativamente il traffico sul sito e le conversioni, raggiungendo una diffusione omogenea e capillare del servizio in tutti i grandi centri urbani.

Un mercato da 100 miliardi di dollari

A seguito dell’operazione Colvin punta ad accelerare l’espansione internazionale, a integrare il modello di business con il lancio di nuovi servizi e a realizzare investimenti in marketing e in tecnologia per ridurre l’intermediazione commerciale e rafforzare la brand awareness. Il mercato dei fiori nel mondo vale 100 miliardi di dollari e, solo in Italia, 2,7 miliardi di euro. Ecco perchè la startup spagnola ha scelto proprio l’Italia come punto di partenza per la sua espansione in Europa. Già a partire dallo scorso aprile 2018, data di ingresso nel Paese, Colvin ha già raggiunto un tasso di crescita mensile del 20%. Nonostante i fiori vengano ancora acquistati prevalentemente in negozi e chioschi dedicati, è internet il canale che registra una crescita rapidissima. “Grazie a questo funding, potremo sostenere la crescita internazionale di Colvin e accrescere la notorietà e la penetrazione del nostro brand in Italia, raggiungendo risultati senza precedenti”, ha dichiarato Andrés Cester, founder & CEO di The Colvin Co. Nelle prossime settimane la startup si prepara a lanciare il servizio in un nuovo mercato del nord Europa, ed è solo il primo del 2019. Rivoluzionare un mercato così tradizionale non è semplice e il mercato stesso presenta non poche difficoltà: è difficile garantire un’adeguata qualità del prodotto a un prezzo vantaggioso a causa di una filiera lunga che fa lievitare i costi e che incide pesantemente sulla freschezza dei fiori, che arrivano al cliente finale anche 16 giorni dopo essere stati recisi. Nonostante queste criticità l’industria dei fiori sta subendo una rivoluzione grazie alla tecnologia che permette maggior sostenibilità, qualità e convenienza per i consumatori finali ed è proprio da questa opportunità di mercato che è nata Colvin.

Come funziona The Colvin Co

The Colvin CO è stata fondata nel novembre del 2016 da Andrés Cester, Marc Olmedillo e Sergi Bastardas – tre ex studenti ESADE – dopo la loro esperienza in multinazionali come Amazon, Citigroup e GSK. Colvin è la startup dei fiori che vuole rivoluzionare il settore grazie alla nuova piattaforma per l’acquisto online, un servizio di consegna entro 24 ore dalla raccolta e un modello di business disruptive che accorcia la filiera e mette in contatto coltivatore e cliente finale. L’e-commerce dei fiori punta solo sui coltivatori europei e italiani e consegna i fiori al cliente con prezzi fino al 50% più vantaggiosi rispetto agli standard di mercato. Colvin è oggi presente in Italia, primo mercato estero in cui la startup spagnola è entrata nell’aprile del 2018, in Portogallo e in Germania.

MIP (Milano Investment Partners)

Milano Investment Partners (MIP) Sgr è una società di gestione di fondi specializzata in investimenti in Venture Growth. Autorizzata a dicembre 2017, la società ha lanciato il primo fondo MIP I con un obiettivo di raccolta di 100 milioni di euro. Anchor investor e sponsor è Angelo Moratti, vicepresidente della società petrolifera di famiglia Saras e investitore nel settore del venture capital da oltre 20 anni attraverso la propria holding Angel Capital Management. Banco BPM è il principale investitore istituzionale del nuovo fondo, affiancato da diversi family offices italiani. L’obiettivo è investire in società consolidate e con forti elementi di innovatività e uso delle nuove tecnologie. Le società target sono in prevalenza italiane ed europee, attive nei settori del fashion, del food, del design, e più in generale dei settori del lifestyle Made in Italy. Il team di investimento è composto da Paolo Gualdani, da oltre 10 anni a capo degli investimenti in venture capital della holding Angel Capital ManagementStefano Guidotti, amministratore delegato di MIP Sgr e già fondatore di U-Start, e Igor Pezzilli, che, dopo diversi anni di esperienza nel settore in Asia, ha co-fondato Lazada, il maggior retailer online del sud est asiatico, poi acquisito da Alibaba per 1,5 miliardi di dollari.