MIA 2021, la call per l’imprenditorialità femminile apre alle innovatrici di tutte le età | Economyup

IMPRENDITORIA FEMMINILE

MIA 2021, la call per l’imprenditorialità femminile apre alle innovatrici di tutte le età



Alla sua terza edizione il programma di accelerazione promosso da Digital Magics con il Gruppo BNP Paribas Cardif ha una novità: a MIA-Miss in Action 2021 possono partecipare anche studentesse e team universitari. Un modo per sostenere l’imprenditorialità femminile provata dalla crisi da covid-19

31 Mar 2021


Dopo che la crisi generata dal Covid-19 ha colpito duramente le donne lavoratrici, MIA – Miss In Action, il programma di accelerazione promosso da Digital Magics e Gruppo BNP Paribas per supportare lo sviluppo dell’imprenditoria al femminile,  alla sua terza edizione si presenta con una notivà: MIA – Miss In Action 2021 non si rivolge più solo a startup costituite da founder donne o con una compagine a maggioranza femminile, ma anche a team di studentesse, team universitari a prevalenza femminile e neo imprenditrici in un momento di svolta del loro percorso.

Il programma si impegna così a dare alle innovatrici di tutte le età una possibilità di essere selezionate per concretizzare le proprie idee e far fruttare il proprio talento. L’obiettivo è di incidere positivamente anche sulla crisi sociale e occupazionale, con una particolare attenzione alle giovani donne.

L’effetto della crisi da coronavirus sull’imprenditoria femminile

La crisi del Covid-19 ha colpito duramente l’economia, e in particolare le imprese guidate da donne che, alla fine dello scorso anno, hanno registrato, in generale, un calo di 4mila attività rispetto al 2019. Se analizziamo in particolare l’ecosistema delle startup, ovvero le giovani imprese innovative, emerge un ulteriore dato negativo: in Italia al 30 dicembre 2020 risultavano iscritte alla sezione Speciale del Registro Imprese 11.899 startup innovative di cui 1.556 femminili, pari al 13,1% del totale, anche in questo caso in decremento rispetto agli anni precedenti che registravano un valore pari al 13,4%.

Iniziativa
Ritorno in DAD? Dona i PC che la tua azienda non usa più. L'iniziativa di PC4U.tech
Dematerializzazione
Istruzione

Si tratta dei peggiori dati degli ultimi sei anni per l’imprenditoria femminile, finora cresciuta costantemente più di quella maschile. La battuta d’arresto, nel 2020, ha colpito soprattutto le imprenditrici giovani, sotto i 35 anni, le cui attività rappresentano l’11,52% del totale rispetto al 12,02% del 2019. L’effetto della crisi si è riversato in generale su tutte le donne lavoratrici, infatti facendo riferimento ai dati Istat che registrano per il 2020 una diminuzione degli occupati pari a meno 444.000 unità (-1,9%), 312.000 di questi appartengono al genere femminile e 132.000 al genere maschile.

“Nell’ultimo anno la situazione dell’imprenditoria femminile è stata ulteriormente aggravata dalla pandemia e le donne si sono ritrovate a dover combattere su più fronti: sanitario, economico e sociale,” sottolinea Layla Pavone, Chief Innovation Marketing and Communication Officer di Digital Magics. “Sono, infatti, le donne quelle maggiormente impiegate nel settore dei servizi, spesso con contratti precari e quindi meno tutelate, senza dimenticare che sono sempre loro a occuparsi più frequentemente della cura della propria famiglia unendo smart working e attività domestiche. In questo contesto le iniziative come MIA sono ancora più importanti per dar voce alle idee delle donne e trasformare i loro progetti in realtà”.

MIA – Miss in Action 2021, le novità della terza edizione

Per la prima volta, MIA – Miss in Action si apre quindi alle giovani imprenditrici, studentesse e neolaureate.

“Abbiamo voluto estendere la partecipazione a MIA anche alle studentesse sia perché appartengono a una generazione che ha innata questa predisposizione, e si proietta senza paura verso il futuro anche quando è difficile decifrarlo, sia per sostenerle in un momento delicato soprattutto per loro, come si evince dai dati sull’imprenditoria femminile delle under 35” spiega Isabella Fumagalli, CEO di BNP Paribas Cardif e Coordinatore di BNP Paribas IFS per l’Italia, “Anche grazie al loro pensiero fresco e attuale, vogliamo che MIA generi un impatto positivo alle persone, alla società e all’economia, migliorando la vita delle famiglie, favorendo la ripresa delle aziende con soluzioni sempre più digitali e creando beneficio a territorio e comunità con contesti sostenibili. Un circolo virtuoso che si realizza grazie a una logica di ecosistema dove ogni attore mette a disposizione competenze ed esperienza facendo leva su questi grandi obiettivi comuni.”

MIA – Miss in Action 2021 vede anche l’ingresso nell’iniziativa di CRIF, azienda globale specializzata in sistemi di informazioni creditizie e di business informatioen, che sarà al fianco di Digital Magis e Gruppo BNP Paribas per rafforzare l’ecosistema delle startup femminili che prenderanno parte al programma di coaching, accompagnamento e crescita.

Non solo: quest’anno l’iniziativa vanta anche il patrocinio da parte di importanti realtà quali Assolombarda, associazione delle imprese che operano nella città Metropolitana di Milano e nelle provincie di Lodi, Monza e Brianza, e Pavia, e Invitalia, agenzia nazionale per lo sviluppo.

Come funziona MIA – Miss in Action 2021

Per partecipare al programma di accelerazione, i team e le startup hanno tempo fino al 27 aprile 2021 per inviare le loro candidature al sito missinaction.it.

Questo il link per partecipare

Obiettivo della call è selezionare idee, prodotti e servizi innovativi nei settori emergenti dell’innovazione come Education, Digital Learning, New ways of Working, Fitness, Foodtech, Sustainability, Smart Home, Smart City, Smart Mobility, CSR, Health, Welfare, Well-being, Beauty, Fashion, Design, Insurtech, Digital Training, Proptech, Digital Marketing, Retail, Travel, New Space, Leisure&Entertainment.

I partecipanti avranno la possibilità di essere selezionati per un percorso di sviluppo completo che sosterrà il loro progetto da un’idea “early stage” a un progetto di “go to market”.

Tra tutte le candidature ricevute verranno selezionate le più promettenti, fino a un massimo di 12 team/startup che avranno la possibilità di presentare le loro idee, prodotti e progetti durante la giornata dell’Innovation Day che si terrà nel mese di maggio.

Una commissione composta da esperti di Digital Magics, del Gruppo BNP Paribas in Italia, di CRIF, unitamente a una Giuria di Eccellenza, selezionerà i quattro migliori team che intraprenderanno il percorso di coaching e mentorship di tre mesi organizzato da Digital Magics, accompagnandoli nella loro crescita e aiutandoli a perfezionare il loro business model.

MIA, le 3 startup vincitrici del programma di accelerazione al femminile