Mark Cuban (Shark Tank Usa): «La regola del pitch perfetto? Sapere chi sei» | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il video

Mark Cuban (Shark Tank Usa): «La regola del pitch perfetto? Sapere chi sei»



Il milionario statunitense che ha partecipato all’edizione americana del format internazionale dispensa consigli agli startupper in un video: innanzitutto conoscersi. Poi avere un profilo sui social media. E attenzione a incubatori e acceleratori: danno l’illusione di aver già vinto, invece bisogna farcela da soli

di Redazione EconomyUp

08 Lug 2015


Di ogni impresa è importante sapere di cosa si occupa, cos’ha di unico o diverso dalle altre, se è in grado di scalare e se le persone che ne fanno parte sono in grado di fare un pitch, la breve presentazione, appunto. In generale è importante la self-awareness, la consapevolezza di quello che si è. È quello che racconta in questo video Mark Cuban, imprenditore milionario e uno dei “squali” dell’edizione statunitense di “Shark Tank”, il format internazionale che vede alcuni investitori scegliere le idee di business sulle quali scommettere i propri soldi. La trasmissione ha avuto successo anche in Italia dove è stata trasmessa per la prima volta da Italia 1 tra fine maggio e inizio giugno.

Presidente dei Dallas Maverick, squadra di basket, di HDNet, rete televisiva generalista degli Stati Uniti che trasmette in alta definizione, e ideatore di Cyber Dust, un’applicazione di private messaging, Cuban consiglia innanzitutto agli startupper di avere un profilo sui social media (Facebook, Twitter, Linkedin ecc. ecc.).

Altra questione affrontata: i luoghi di incubazione. L’investitore fa un’osservazione sulla loro importanza per le startup. “Ci sono moltissimi incubatori, acceleratori, ecc. ecc. – dice – ma gli startupper che ne fanno parte tendono a pensare di essere in una posizione di successo solo per il fatto di essere lì  e perdono il senso di dovercela fare da soli”.

Invece, prosegue, le startup devono avere self-awareness. Sapere cosa sanno fare bene e cosa meno bene. Essere realistiche, insomma.

Redazione EconomyUp