Italiani in Silicon Valley? Noi siamo tornati.. | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La lettera

Italiani in Silicon Valley? Noi siamo tornati..

26 Set 2014

I fondatori di Fluentify, startup lanciata nel 2013 a Londra e rientrata a Torino, scrivono: «Non guardiamo sempre a migliaia di chilometri per trovare esempi di eccellenza. Non facciamo credere ai giovani che un altro mondo è possibile solo lontano da qui»

Fluentify, ecco i fondatori: Andrea Passadori, Giacomo Moiso, Claudio Bosco, Matteo Avalle
Siamo stati molto felici di leggere nei giorni scorsi della visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi ai talenti Italiani che vivono e lavorano nella Silicon Valley. Professionisti di grande valore, che meritano tutta l’attenzione a loro dedicata e che dimostrano quanto il talento italiano sia un valore di grande appeal sul mercato mondiale dell’innovazione. 

Allo stesso tempo crediamo sia giusto ricordarsi di quanti, come noi, dopo aver inaugurato una start up all’estero – nel nostro caso nel Regno Unito nel febbraio 2013 – si sono impegnati a tornare nel nostro Paese. 

La storia di Fluentify


Oggi Fluentify è una realtà con 15 mila utenti registrati, 50 tutor madrelingua da dieci paesi del mondo e uffici a Torino (oltre che a Londra) che impegnano professionisti e sviluppatori. Dopo il primo periodo ci siamo assunti la responsabilità e l’impegno di lavorare per portare la nostra idea in Italia e, grazie a chi ha creduto in noi e non certo senza qualche difficoltà, siamo in prima linea per far sì che una piccola e spesso sommersa Silicon Valley sparsa su tutto il territorio italiano sia più visibile e possa attrarre cervelli e innovazione nel Paese in cui crediamo, il nostro. 

Da Londra a Torino, la scelta di Fluentify

Chi è il banker di Mediobanca che ha investito in Fluentify

L’augurio che vogliamo fare, certi della sensibilità del Presidente del Consiglio su questo tema, è che non si debba e voglia sempre guardare a migliaia di chilometri di distanza per trovare esempi di eccellenza facendo credere ai giovani italiani, soprattutto in questo momento di grande difficoltà per loro come per l’economia italiana, che un altro mondo è sì possibile ma solo lontano di qui.

* Fondatori di Fluentify

di Giacomo Moiso, Claudio Bosco, Andrea Passadori, Matteo Avalle *

Articoli correlati