Investimenti e startup, «Se continuiamo così siamo condannati a essere un Paese arretrato» | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Investimenti e startup, «Se continuiamo così siamo condannati a essere un Paese arretrato»

di Redazione EconomyUp

23 Dic 2015

Lo dice Pietro Giuliani, amministratore delegato di Azimut, intervistato da Andrea DI Camillo, fondatore di P101. «C’è un gap da colmare e per questo abbiamo deciso di investire sulle nuove imprese». «Nel settore finanziario la grande sfida è la gestione delle informazioni»

Perché è giusto investire in imprese giovani e innovative, cioè in startup? Come cambierà il business di Azimut di fronte alla digital transformation? Sono le domande che Andrea DI Camillo, fondatore di P101, fondo di venture capital, pone a Pietro Giuliani, amministratore delegato di Azimut, gruppo che gestisce risparmi per oltre 6 miliardi di euro. È il momento di fare, senza più indugiare, è il messaggio lanciato da Giuliani. Prima che sia troppo tardi

 

 

Redazione EconomyUp

Articoli correlati