Investimenti e startup, «Se continuiamo così siamo condannati a essere un Paese arretrato» | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Investimenti e startup, «Se continuiamo così siamo condannati a essere un Paese arretrato»

23 Dic 2015

Lo dice Pietro Giuliani, amministratore delegato di Azimut, intervistato da Andrea DI Camillo, fondatore di P101. «C’è un gap da colmare e per questo abbiamo deciso di investire sulle nuove imprese». «Nel settore finanziario la grande sfida è la gestione delle informazioni»

Perché è giusto investire in imprese giovani e innovative, cioè in startup? Come cambierà il business di Azimut di fronte alla digital transformation? Sono le domande che Andrea DI Camillo, fondatore di P101, fondo di venture capital, pone a Pietro Giuliani, amministratore delegato di Azimut, gruppo che gestisce risparmi per oltre 6 miliardi di euro. È il momento di fare, senza più indugiare, è il messaggio lanciato da Giuliani. Prima che sia troppo tardi

 

 

Redazione

Articoli correlati