Industria 4.0, Cisco e Intesa cercano startup: "Sono il fertilizzante dell'innovazione" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

DIGITALIANI

Industria 4.0, Cisco e Intesa cercano startup: “Sono il fertilizzante dell’innovazione”

25 Lug 2017

Così le definisce Enrico Mercadante, responsabile Innovation & Digital Transformation di Cisco Italia, che ha lanciato con la banca #StartUPinitiative, un bando per nuove imprese dello smart manufacturing. Scadenza per le iscrizioni: 30 luglio. In un video tutti i dettagli per partecipare

“Le startup sono il fertilizzante per il terreno dell’innovazione”: ne è convinto Enrico Mercadante, responsabile Innovation & Digital Transformation in Cisco Italia, che coglie l’occasione del varo di #StartUPinitiative per fare il punto sul percorso della manifattura italiana verso Industria 4.0.

Industria 4.0, Cisco e Intesa Sanpaolo a caccia di startup

#StartUPinitiative  è il programma di accelerazione internazionale di Intesa Sanpaolo per selezionare le più promettenti startup high-tech. Cisco e Intesa Sanpaolo hanno lanciato il bando, che scade il prossimo 30 luglio, per individuare realtà dell’Industria 4.0 e dell’Internet delle Cose. In particolare i candidati devono aver sviluppato progetti che riguardano il mondo delle fabbriche digitali, la Cybersecurity, la gestione e il tracciamento degli asset, la collaboration, la realtà virtuale e aumentata applicate sempre al mondo industriale, le connected machine e le supply chain integrate. Queste realtà devono essere in cerca di investimenti dal valore compreso tra i 200mila e i 5 milioni di euro. Per partecipare è necessario inviare un business plan dettagliato o un executive summary del proprio progetto a questo link. Il termine di scadenza è fissato al 30 luglio 2017.

In questo video pubblicato da Internet4Things Mercadante di Cisco spiega le ragioni per cui le startup possono contribuire al processo di accelerazione delle imprese verso l’Industria 4.0, ovvero la quarta rivoluzione industriale che vedrà protagonista la fabbrica totalmente automatizzata e interconnessa. Un processo particolarmente strategico nel nostro Paese a forte vocazione manifatturiera.

  • 6 Share

Articoli correlati