OPEN INNOVATION

Economia circolare: ecco le due startup vincitrici dell’Iren StartupAward

Antifemo, startup italiana che ha sviluppato un processo di compostaggio rapido avanzato per la trasformazione di fanghi e scarti organici in fertilizzanti o combustibile solido secondario, e Ambri, che produce innovative batterie a metallo liquido per lo stoccaggio di energia, hanno vinto il premio di Iren

Pubblicato il 07 Apr 2023

Antifemo e Ambri hanno vinto la III edizione di Iren StartupAward

Più di 100 tra startup e PMI innovative hanno preso parte alla III edizione di Iren StartupAward, il contest organizzato dal Gruppo Iren dedicato all’innovazione per la promozione di un modello di economia circolare e sostenibile, che si è svolto il 6 aprile a Torino presso il Museo Nazionale del Risorgimento.

Il premio è stato assegnato ad Antifemo, startup italiana che ha sviluppato un processo di compostaggio rapido avanzato per la trasformazione di fanghi e scarti organici in fertilizzanti o combustibile solido secondario, e alla statunitense Ambri, che ha presentato innovative batterie a metallo liquido per lo stoccaggio di energia.

I due progetti vincitori riceveranno 15 mila euro di premio e la possibilità di avviare una collaborazione con il Gruppo Iren sul piano della sperimentazione, industriale o commerciale, del concept. La premiazione fa seguito alla realizzazione di una Call4Circular, promossa da Iren insieme al Circular Economy Lab, partnership tra Intesa Sanpaolo Innovation Center e Cariplo Factory,

La call, il cui scouting è durato circa due mesi, si è concentrata in particolare nell’individuare quei progetti che potessero efficientare e ottimizzare il meccanismo di riciclo di flussi di materia, contribuire allo sviluppo delle nuove filiere (come terre rare, RAEE, metalli preziosi), o valorizzare i sistemi di gestione delle acque reflue e dei fanghi di depurazione. L’idrogeno e le tecnologie di accumulo sono altre due tematiche al centro di tantissimi idee e progetti aderenti. Il contest ha raggiunto già alla III edizione un respiro internazionale: solamente il 55% delle start up e PMI aderenti è italiano. Hanno partecipato infatti realtà da tutta Europa (Gran Bretagna, la Germania, Lussemburgo, Olanda e Svezia) e anche dal resto del mondo. Il 5% dei progetti proviene da realtà israeliane, il 10% dall’Asia e Oceania. Nel corso della giornata di oggi è stato assegnato anche il premio Call4Ideas, iniziativa lanciata da Iren Innovation Lab, per mettere a fattore comune e valorizzare soluzioni e proposte innovative da parte dello stesso team di Iren. Tra gli oltre 150 progetti, sono stati premiate quattro idee innovative, che vanno dalle soluzioni per il monitoraggio dell’impatto del soiling sulle performance degli impianti fotovoltaici al progetto di un esoscheletro per ridurre lo sforzo collegato all’attività ripetuta di movimentazione manuale di carichi, dalla sensoristica avanzata per la rilevazione di umidità e allagamenti nelle sottostazioni del teleriscaldamento al progetto “Micro turbine Zero Head”, volto a salvaguardare la risorsa idrica nei territori di riferimento del Gruppo.

Cosa fa Antifemo

Antifemo è una startup innovativa italiana fondata nel 2018 che propone un processo di compostaggio rapido avanzato (REC) adattabile a fanghi e scarti organici per il trattamento e la trasformazione in fertilizzanti o combustibile solido secondario. Questo sistema non necessita di pre-trattamenti e sfrutta un catalizzatore auto rigenerativo, adsorbito su un supporto inerte. il processo di fermentazione aerobica accelerato, che genera calore, lo rende termicamente autosufficiente.

Cosa fa Ambri

Fondata nel 2010 come spin-off del MIT dai Prof. Donald Sadoway e David Bradwell, Ambri ha sviluppato batterie a metallo liquido per lo stoccaggio di energia stazionario a larga scala la cui composizione chimica comprende un anodo in lega di calcio fuso, un catodo in lega di antimonio solido e un elettrolita di cloruro di calcio a sale fuso. Ambri ha depositato brevetti riguardanti la struttura chimica, la progettazione e l’implementazione della tecnologia.

Iren StartupAward: un’esperienza formativa

Per quanto riguarda il contest Call4Ideas, si tratta di una vera esperienza formativa, in quanto i 20 partecipanti che hanno superato la prima selezione, sono stati coinvolti in un percorso di coaching e mentoring dedicati allo sviluppo e empowerment delle idee stesse.
“Le principali sfide dell’economia circolare sono legate allo sviluppo delle terre rare, all’ottimizzazione della gestione dell’acqua e alla valorizzazione e trasformazione dei rifiuti in energia. Il Gruppo Iren, come dimostra il piano industriale presentato di recente, è attivo in tutti e tre i filoni attraverso investimenti e progetti che contribuiranno a rafforzare il primato del nostro Paese nel campo dell’economia circolare”. – dichiara Luca Dal Fabbro, Presidente del Gruppo IREN – “Allo stesso modo siamo convinti che per riuscire a fare la differenza in questa partita, dobbiamo uscire dalla rete e, rafforzando il legame con le start up, con le università, con le PMI innovative, promuovere le nuove idee e accompagnare le eccellenze del Gruppo in un percorso di upgrading continuo. Con Iren Startup Award guardiamo con curiosità al futuro dell’energia e alle nuove sfide innovative che ci attendono e, in maniera interconnessa, riuscire a cogliere in anticipo i trend e la forza delle nuove tecnologie”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

E
Redazione EconomyUp
email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 4