ePrice (ex Banzai) investe un milione nella startup Termostore | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

ePrice (ex Banzai) investe un milione nella startup Termostore

08 Feb 2017

L’operatore di e-commerce, un tempo attivo anche nell’editoria e oggi focalizzato su high-tech e grandi elettrodomestici, ha acquisito il 43% della società che propone un modello full-service per installazione e manutenzione di impianti di riscaldamento e climatizzazione. L’AD Scott Jovane: «Così rafforziamo l’home service»

Paolo Ainio
ePrice (l’ex Banzai) investe un milione di euro in Termostore srl, startup specializzata in soluzioni per impianti di riscaldamento e di climatizzazione. L’operatore di e-commerce impegnato nella vendita di prodotti high-tech e grandi elettrodomestici, quotato al segmento Star del Mercato MTA di Borsa Italiana (quello dedicato alle medie imprese) e guidato dall’amministratore delegato Pietro Scott Jovane, ha effettuato l’investimento in cambio del 43% del capitale della startup.

Fondata nel 2006 da Paolo Ainio, considerato uno dei padri di internet in Italia, e da altri investitori privati, in pochi anni Banzai è diventata una società attiva nei settori dell’ecommerce, del consulting e dei media online, ma da circa un anno ha cambiato strategia commerciale e si è trasformata, non solo nel nome. A maggio 2016 ha ceduto il ramo media a Mondadori per 45 milioni di euro, a ottobre ha venduto Saldi Privati a Showroomprive, player europeo delle vendite private online specializzato nella moda.

Cosa resta di Banzai dopo la vendita dell’editoria a Mondadori

Banzai vende Saldi Privati a Showroomprive per 28 milioni

La società ha poi cambiato nome in ePRICE, rimasta l’unica azienda del gruppo, e si è concentrata esclusivamente sull’e-commerce di apparecchiature hi-tech ed elettrodomestici, segmento in cui è tra i leader di mercato in Italia.

Guarda il video dell’intervista di EconomyUpTv a Paolo Ainio.

L’operazione che ha visto protagonista Termostore, si legge in un comunicato, era stata annunciata con il piano strategico 2021 presentato il 10 novembre 2016 e rientra nel percorso di evoluzione dell’offerta di ePrice verso il servizio, andando ad arricchire e complementare l’offerta di servizi di consegna e installazione ePrice Home Service.

Come funziona Termostore – Guidata dall’AD Alessandro Andreozzi e basata a Milano, è la prima startup in Italia ad aver sviluppato un modello full-service per l’installazione e la manutenzione di impianti di riscaldamento e di climatizzazione. Attraverso una capillare rete di installatori ed il più ampio catalogo online di questa categoria di prodotti, è in grado di offrire alla clientela un servizio “chiavi in-mano” con la garanzia del prezzo esposto e un processo di acquisto e di post vendita semplificato attraverso un unico interlocutore.

“Termostore  – dice Pietro Scott Jovane, Amministratore Delegato di ePRICE – soddisfa i bisogni delle famiglie Italiane che oltre all’acquisto di impianti di riscaldamento e climatizzazione richiedono sempre più servizi di installazione e manutenzione per questa tipologia di impianti e completa la nostra offerta di prodotti e servizi online alle famiglie digitali. L’esperienza di successo che abbiamo maturato con il lancio dei servizi Home Service, che oggi conta una copertura del 54% della popolazione, andrà a supportare il team di Termostore per accelerarne la crescita e la penetrazione sul mercato online di riferimento, che stimiamo nei prossimi 3 anni possa superare il miliardo di euro di potenziale”.

“Con le nuove risorse e le sinergie industriali con ePRICE – aggiunge il Ceo della startup, Alessandro Andreozzi – Termostore punta a consolidare la sua posizione di leadership sul mercato nazionale ed accelerare l’espansione dei servizi e dei territori serviti. Puntiamo inoltre anche il prossimo anno ad una crescita consistente del fatturato e completare la copertura dei servizi in tutta Italia”. (L.M.)

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati