"Casa delle startup" all'ospedale Forlanini, Zingaretti fa il primo passo | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Roma

“Casa delle startup” all’ospedale Forlanini, Zingaretti fa il primo passo

07 Lug 2015

Il grande nosocomio romano chiuderà, ma il presidente della Regione vuole trasformarlo in uno spazio per l’innovazione. A settembre partirà un bando di idee. Ma già a fine luglio esponenti dell’ecosistema delle startup visiteranno la struttura per valutarne futuri utilizzi

Le startup romane potrebbero trovare un nuovo punto di ospitalità all’interno di un ex grande ospedale della capitale. Si tratta del Forlanini, storico nosocomio del quale di recente il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha annunciato la chiusura. Esteso su una superficie di circa 150mila metri quadri, e un tempo fornito di 2000 posti letto (oggi rimasti in 50), l’ospedale in via Ramazzini, in prossimità della via Gianicolense, era da anni esposto al degrado e persino ai furti, solo parzialmente utilizzato e costava troppo per le casse della Regione. Da qui la decisione della chiusura, che ha spiazzato molti romani. Varie le ipotesi e le proposte per il recupero e il conseguente riutilizzo dell’area.

A questo proposito Zingaretti ha aperto le porte alla partecipazione e annunciato un bando delle idee che partirà a settembre e servirà ad accogliere “proposte offerte da associazioni, imprese e cittadini. Noi vogliamo che l’area – ha detto – diventi un luogo della cultura, dell’innovazione, per le startup e per il sociale“. Potrebbe dunque nascere una sorta di “casa per le startup” all’interno della struttura? Alcuni locali potrebbero essere ristrutturati ed adibiti a spazi di lavoro dedicati agli startupper?

È ancora presto per dirlo, ma si stanno facendo i primi passi in questo senso: a quanto risulta a EconomyUp, il 22 luglio una dozzina di stakeholder dell’ecosistema capitolino delle startup (quindi, si ipotizza, incubatori, acceleratori, venture capitalist, startupper, imprenditori ecc. ecc.) sono convocati da Zingaretti per visitare il Forlanini e discutere del progetto. 

La strada si prospetta comunque in salita. Fonti interne all’azienda sanitaria San Camillo-Forlanini sottolineano che il complesso di edifici versa in condizioni di decadenza. L’impianto elettrico è in gran parte fatiscente, gli impianti idraulici in buona parte non utilizzabili: i lavori di ristrutturazione dovranno essere certamente molteplici e saranno costosi. Non è comunque detto che, in un’area di questa ampia struttura, non si riesca a trovare spazio per ospitare le startup e gli startupper. Altra questione sulla quale riflettere: la location. La zona è semicentrale e ben collegata con il centro città, ma effettivamente lontana dai poli tecnologici e dai centri universitari della capitale. In ogni caso, se la casa delle startup al Forlanini si farà, sarà un ulteriore contributo all’ecosistema romano che da tempo si sta gradualmente popolando di incubatori, acceleratori e spazi di co-working.  

Articoli correlati