Caffeina, la startup che piace a Dolce&Gabbana cerca nuovi talenti | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La storia

Caffeina, la startup che piace a Dolce&Gabbana cerca nuovi talenti

26 Mar 2015

Altri argomenti

La digital company che studia il posizionamento digitale dei brand (oltre a D&G, conta clienti come Hogan, Monster, Rcs, Mondadori) ha lanciato una call for digital talents. «Cerchiamo persone pronte ad affrontare le novità del 2015: Expo, internet of things, wearable technology, iBeacon» dicono i founder

Il team di Caffeina
Non hanno ancora 30 anni, sono partiti in tre e stanno assumendo decine di persone. La loro Caffeina, digital company che lavora per la trasformazione e il posizionamento digitale dei brand, ha fatto il boom. Nata a fine 2011 dall’amicizia tra tre compagni di università oggi conta clienti del calibro di Hogan, Monster, Rcs, Mondadori e un’accelerazione e partecipazione da parte di b-Ventures, l’incubatore targato Buongiorno.

Oggi i tre fondatori hanno lanciato una call for digital talents:Cerchiamo persone da inserire in tutte le divisioni: attività tecnologiche, di marketing e di design. Le persone da selezionare quindi sono prevalentemente Developer (Web e Mobile), Designer (di user experience e di user interface) e Marketer (Content Manager, Digital Strategist, Art Director, Community Manager)”. Al momento la call è focalizzata su figure tecnologiche e di sviluppo, ma presto verrà lanciata una seconda call focalizzata sul marketing.

Non solo skill tecniche ma anche la condivisione dei valori di Caffeina è un requisito fondamentale dei candidati. Al momento poco più di 20 persone, Caffeina ha l’obiettivo di superare i 30 dipendenti entro fine anno. Tutte con la stessa filosofia, fondata sul concetto “Ideas never sleep”. Il team dovrà essere pronti ad affrontare le trasformazioni che l’Italia si appresta a vivere nell’anno appena iniziato: da Expo, fino alla diffusione del mobile, dell’Internet of Things  e della domotica; dalle wearable technology, che cercheranno di uscire dal circolo degli early adopter, fino agli iBeacon + push notifications sempre più usati per l’interazione contestualizzata in store.

Ma cosa distingue Caffeina dalle altre società del settore? “Nel corso del nostro percorso professionale abbiamo visto che molte agenzie digitali propongono servizi di bassa qualità – prosegue Tiziano Tassi, uno dei founder –  non solo a livello tecnico ma anche legati al rispetto delle tempistiche, dei budget o delle relazioni. Il modello che stiamo provando a costruire è quello di una agenzia full service che è in grado di offrire qualità con un approccio consulenziale e marketing oriented, ma con il dominio degli aspetti legati alla tecnologia e al design”. Non i primi, dunque, a cercare di avere questo approccio. Ma quello di Caffeina è un vero caso di successo.

“Il 2014 ci ha visto raggiungere importanti traguardi. Abbiamo vinto gare significative: Hogan, Genialloyd, Dolce&Gabbana, Monster, Procter&Gamble, Coop Estense, 888.it, ActionAid e Università di Pavia ci hanno accordato la propria fiducia affiancandosi alle realtà che ci avevano già scelto e con cui continuiamo a lavorare su progetti ambiziosi- conclude -. Questo ci ha permesso di chiudere l’anno in utile ed è nostra intenzione reinvestirlo integralmente per consolidare il business e sostenere la crescita di nuove attività ad alto valore e consolidare quelle in essere.”

Altri argomenti

di Giulia Cimpanelli

Articoli correlati