Assolombarda, far volare Milano due anni dopo | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Territori

Assolombarda, far volare Milano due anni dopo

11 Feb 2016

Altri argomenti

Sono 21 le iniziative che hanno già prodotto risultati concreti a 24 mesi dal lancio del piano “50 progetti per rilanciare le imprese e il territorio”. Tra le più interessanti quelle per una burocrazia e un fisco più semplici e sulla regolarità dei tempi dei pagamenti, che hanno già aggregato centinaia di aziende

A due anni dal lancio del piano strategico “50 progetti per rilanciare le imprese e il territorio”, Assolombarda è pronta a raccontare i risultati raggiunti, tangibili e misurabili. L’obiettivo era chiaro fin dall’inizio: rilanciare le imprese e il territorio milanese, motore della crescita economica e della sfida competitiva per il nostro Paese.

A oggi sono 21 i progetti che hanno già prodotto risultati concreti, alcuni dei quali si sono già trasformati in servizi continuativi per le imprese.

I 50 progetti “per far volare Milano”, descritti su www.farvolaremilano.it, si articolano in quattro capitoli: Imprese al centro, Milano al centro, Expo la grande occasione, Assolombarda al centro. Su questi capitoli Assolombarda ha chiamato a raccolta tutta la città metropolitana: le aziende, le amministrazioni pubbliche (tra cui Regione Lombardia, Città Metropolitana e Camera di Commercio), le università e le scuole, i centri di ricerca, gli incubatori d’impresa, i soggetti del terzo settore e della società civile, ottenendo adesioni unanimi, sinergie e alleanze preziose. Idee, servizi, network e strutture per fare della nostra Milano un luogo internazionale e attrattivo per le nuove generazioni, riportando le nostre imprese e il nostro territorio nelle posizioni di testa europee.

Alcuni tra i progetti più interessanti, già conclusi o in notevole stato di avanzamento, riguardano le imprese, in particolare la regolarità dei tempi di pagamento – su cui si costruisce il clima di fiducia necessario a far ripartire l’economia – la semplificazione della burocrazia e delle normative fiscali, in modo da rendere l’Italia un posto dove sia più facile aprire e condurre un’attività, così come la facilitazione dell’accesso al credito.

Il Codice Italiano Pagamenti Responsabili, ad esempio, ha già aggregato 259 tra aziende, banche e istituzioni e ha garantito pagamenti regolari per 81 miliardi di euro all’anno a oltre 200.000 fornitori; Bancopass, per facilitare l’accesso al credito, ha catalizzato attorno a sé una trentina di istituti finanziari e 750 aziende; Energia meno cara ha fatto risparmiare a numerose imprese iscritte all’Associazione oltre 1,3 milioni di euro nella spesa energetica. Ma anche nella formazione e nel supporto alle start up si sono avuti ottimi risultati: ABC Digital ha visto, nell’anno scolastico 2014-2015, più di 550 ragazzi delle superiori insegnare a 1.700 alunni over 60 come cavarsela con internet e le App; grazie a Partnership scuola impresa, dall’inizio del Piano Strategico, 9.500 studenti e 80 istituti tecnici sono stati coinvolti in progetti di alternanza scuola-lavoro; con Startup Town già 176 startup, di cui 153 innovative, si sono associate ad Assolombarda ricevendone gratuitamente i servizi.

Altri argomenti

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati