Appathon, torna il contest di Unicredit per app "finanziarie" (ed è solo online) | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Open innovation

Appathon, torna il contest di Unicredit per app “finanziarie” (ed è solo online)

30 Giu 2016

C’è tempo fino al 13 luglio per iscriversi alla gara per sviluppatori e pmi del fintech in grado di sviluppare applicazioni “finanziarie”. Premiazione il 20 luglio, in palio una collaborazione professionale del valore di 50mila euro

Torna Appathon, la gara di UniCredit per giovani sviluppatori e piccole e medie imprese del fintech in grado di sviluppare applicazioni innovative, ma questa terza edizione presenta una novità: il contest si svolgerà interamente online.

Sono aperte fino al 13 luglio le iscrizioni all’edizione 2016 di Appathon, organizzata da UniCredit insieme a UniCredit Business Integrated Solutions, la global service company del Gruppo. Obiettivo degli organizzatori: fare scouting tra le migliori soluzioni finanziarie. Il 20 luglio, al termine dell’illustrazione dei 10 migliori progetti presentati, saranno proclamati i vincitori, che si guadagneranno così una collaborazione professionale del valore di 50.000 euro.

Appathon è una la competizione internazionale aperta a sviluppatori, pmi del fintech (la tecnologia applicata alla finanza) e startup per creare app che rispondano con successo ai più recenti trend tecnologici, come biometrics, wallet e pagamenti via smartphone, intelligenza artificiale e social media banking.

Prima banca a lanciare questo tipo di iniziativa nel 2014, UniCredit ha scelto quest’anno di realizzare questa terza edizione di Appathon interamente online, per consentire la partecipazione di concorrenti provenienti da tutta Europa.

I partecipanti competeranno in sfide sui pagamenti digitali (in conformità alla normativa PSD2), sui Digital Wallet e sulla consegna istantanea di informazioni complesse grazie ai Big Data.

Le app vincitrici saranno quelle più in grado di rispondere ai bisogni di business di UniCredit e più pronte a un immediato sviluppo e integrazione con UniCredit Business Integrated Solutions.

“Capacità di rispondere ai trend e flessibilità realizzativa sono fattori chiave per crescere nel lungo periodo con resilienza. Per questo in UniCredit stiamo aggiornando il nostro ecosistema digitale con partnership, investimenti e infrastrutture API aperte che consentano il crowd-sourcing e l’integrazione con nuovi sistemi fintech” dice Paolo Fiorentino, Vice Direttore Generale di UniCredit. “Stiamo sviluppando una contaminazione positiva tra le nostre persone e l’ambiente esterno, per incoraggiare la cultura dell’innovazione e facilitare la ricerca di talenti, e Appathon è un’iniziativa che ci aiuta concretamente a procedere in questa direzione”.

I concorrenti saranno chiamati a creare la propria app attraverso le API (Application Programming Interface) sviluppate dall’azienda berlinese Tesobe Ltd/Open Bank Project. Il prossimo 20 luglio, a Milano, i 10 migliori team avranno l’opportunità di illustrare le proprie soluzioni a una giuria composta da membri del Senior Management UniCredit che determinerà i vincitori della competizione. 

“Appathon – sottolinea Paolo Cederle, AD di UniCredit Business Integrated Solutions – ci aiuta a rafforzare

l’innovazione e a tradurre idee e spunti in nuovi prodotti e servizi di valore per i nostri clienti; con l’apertura delle API ai partecipanti, questi ultimi saranno messi nelle condizioni di creare  prototipi funzionanti, in grado di accorciare sensibilmente il processo di produzione. Questo ci darà l’opportunità di pensare in modo più creativo e di sviluppare soluzioni in modalità diverse e davvero interessanti”.

Appathon 2016 si svolgerà per intero in un “sandbox”, un ambiente virtuale controllato, utilizzando dati di prova che simuleranno situazioni quotidiane. Il team vincitore otterrà una collaborazione professionale del valore di 50.000 euro con UniCredit Business Integrated Solutions. Ai restanti partecipanti saranno riconosciuti altri premi e bonus gift.

Simon Redfern, AD di Tesobe Ltd/Open Bank Project, ha commentato: “Un’API rende possibile l’innovazione in modi più rapidi e inattesi. Gli sviluppatori e pmi più innovative possono facilmente immaginare, disegnare e scrivere codice per soluzioni ‘out of the box’, avvalendosi di servizi di supporto sicuri e di ampia affidabilità come quelli di UniCredit. Siamo entusiasti di poter lavorare con UniCredit, un gruppo bancario che sta dimostrando gran serietà nell’affiancarsi a partner esterni, startup e innovatori su scala globale”

Gli sviluppatori e le pmi interessate possono sottoporre la propria candidatura sul sito www.appathon.eu sino al 13 luglio.

 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati