Coda supermercati: app per evitare file e non perdere tempo | Economyup

NEGOZI DEL FUTURO

Coda supermercati: app per evitare file e non perdere tempo



Nella Fase 2 della pandemia da coronavirus i retailer dovranno attrezzarsi per gestire le code che si inevitabilmente si creeranno in molti negozi. Ecco alcune applicazioni e soluzioni innovative per affrontare il problema e garantire sicurezza ai clienti

06 Mag 2020


Social distancing per le code nei negozi

Dall’inizio del lockdown dovuto al coronavirus, davanti a supermercati, negozi e uffici rimasti aperti si sono creati problemi per la gestione delle code, e il fenomeno sembra destinato a intensificarsi nella Fase 2 appena iniziata. Il variegato mondo del retail dovrà attrezzarsi per evitare code e assembramenti, in modo da garantire la massima sicurezza a propri utenti e favorire i loro processi di acquisto.  In questo periodo di emergenza sono emerse (seppure con ritardo) alcuni soluzioni innovative per cercare di ovviare al problema delle code, o perlomeno per gestirlo con maggiore efficienza. Vediamo alcune delle principali soluzioni adottate finora per gestire le code e come vengono applicate.

Ufirst per Esselunga, l’app per gestire le code nei supermercati

Per sperimentare una gestione più intelligente, semplice e sicura degli accessi ai propri negozi, Esselunga ha scelto ufirst, piattaforma disponibile via app. Il player della grande distribuzione organizzata ha già avviato la fase di test in alcuni negozi in Lombardia, Veneto, Toscana e Piemonte, e prevede un piano di espansione nelle città dove è presente.

Come funziona ufirst, l’app  per la gestione code

I clienti di Esselunga avranno così la possibilità di “mettersi in fila stando a casa” con diverse modalità. Tutti coloro (circa 800.000 persone) già in possesso dell’applicazione ufirst per smartphone potranno, grazie al sistema di geolocalizzazione, visualizzare direttamente dal telefono lo store di Esselunga più vicino, prendere virtualmente dall’app il numero per l’accesso e monitorare l’avanzamento della fila da remoto, ricevendo notifiche in prossimità del proprio turno e recandosi sul posto solo da quel momento. Chi non avesse ancora scaricato ufirst e fosse già in prossimità di uno dei negozi Esselunga dove la app è attiva, potrà prenotare il proprio posto semplicemente comunicando al personale il numero di cellulare. Il sistema ufirst invierà un SMS con lo stato di avanzamento della propria posizione in fila fino al proprio turno. “L’utilizzo della app, al momento in fase di test, nasce inoltre dalla volontà di migliorare l’esperienza di acquisto dei nostri clienti” ha dichiarato Roberto Selva, Chief Marketing & Customer Officer di Esselunga.

ufirst aveva acquisito a novembre 2018 Qurami, l’app saltafila di Roberto Macina, all’epoca utilizzata in oltre 400 strutture pubbliche in Italia.  A sottoscrivere l’accordo preliminare per l’exit parziale dalla startup Qurami era stata LVenture Group S.p.A, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana attiva nel Venture Capital, che ne deteneva quote. L’obiettivo, con l’unione dei due servizi Qurami e uFirst– che sono poi andati entrambi sotto il marchio uFirst – era creare la prima piattaforma globale per facilitare l’accesso ai servizi in città, permettendo un reale risparmio di tempo con un servizio completo al 100%.

ufirst nasce con il sostegno di famiglie italiane e importanti imprenditori quali Eduardo Teodorani Fabbri, figlio di Maria Sole Agnelli, il Principe Fabio Borghese, Gilda e Angelo Mario Moratti, figli rispettivamente di Gian Marco e Massimo Moratti, e di Luca La Mesa. Successivamente è entrata in Alchimia, veicolo di investimento privato operante principalmente nel settore del Venture Capital, con sede a Roma, Milano e Londra.

Exit per Qurami: la startup saltafila acquisita da uFirst

App Coop per evitare le file nel supermercato

WHITEPAPER
CX: perchè l'intelligenza emotiva è importante per fidelizzare i clienti?
Marketing
Inbound

Una società di consulenza informatica, Sopra Steria, e gli operatori della grande distribuzione, Coop Liguria e Coop Lombardia, hanno unito le forze con l’obiettivo di eliminare le code e garantire maggiore sicurezza agli utenti. La soluzione proposta si chiama CoD@Casa e consente alle persone di prenotare il proprio accesso al punto vendita restando comodamente a casa. Sopra Steria l’ha offerta gratuitamente, e Coop Liguria e Lombardia hanno deciso di attivarla per i propri clienti.

Come funziona l’app per la gestione code CoD@Casa

La prenotazione dell’ingresso al supermercato avviene via internet compilando un form o parlando telefonicamente con un operatore. Il consumatore riceve dal sistema una fascia oraria e un numero di prenotazione così da evitare attese in coda e sovraffollamenti. In loco, un operatore del supermercato si occupa del check-in e del check-out e il sistema si aggiorna automaticamente tenendo sotto controllo il numero di persone all’interno del negozio. Le informazioni rilasciate al momento della registrazione non verranno utilizzate né a fini di marketing né di tracciamento, garantendo così, oltre al rispetto della salute dell’individuo, anche quello dei dati personali.

#Entrofacile per non perdere tempo in fila ed evitare le code nel retail e nella GDO

#Entrofacile è un’applicazione lanciata da Var Group, attivo nel settore delle soluzioni e dei servizi ICT, che permette di gestire su prenotazione l’ingresso dei clienti in negozio. L’app integra l’esperienza Var Group nello sviluppo di progetti tecnologici innovativi e la conoscenza del settore GDO di Sailing, azienda Var Group con expertise nei servizi e nelle soluzioni per la gestione dei processi di business del Retail e della GDO. Dopo un test attivato su punti vendita della Cooperativa di dettaglianti Commercianti Indipendenti Associati associata al consorzio Conad, la soluzione è pronta per essere commercializzata.

Come funziona l’app per la gestione code #Entrofacile

Gli utenti possono prenotare l’ingresso in negozio online o direttamente nel punto vendita. Per effettuare la prenotazione è sufficiente accedere alla pagina dedicata del servizio da casa o ovunque ci si trovi, via mobile, oppure davanti al negozio, utilizzando il totem dedicato. È possibile così scegliere l’ora e il giorno migliore per fare acquisti senza stress e, una volta arrivati, non ci sarà alcuna attesa, anche se si arriva in ritardo o in anticipo.

“#Entrofacile è la piattaforma che aiuta a creare una nuova normalità per tutti i cittadini- dichiara Francesca Moriani. Amministratore Delegato di Var Group. “Grazie ad un algoritmo, gli ingressi vengono costantemente aggiornati e la gestione del flusso in negozio è ottimizzata, anche nel caso di arrivi in ritardo o in anticipo” spiega Gianluca Guidetti presidente di Sailing, azienda Var Group.

Safety Pois, l’idea dei “pallini” per regolare le code nei supermercati

Non è specificamente destinata alle code, ma aiuta nella gestione dei movimenti evitando assembramenti quando si è all’interno del negozio, la soluzione proposta da Safety Pois, il progetto lanciato da Fabrizio Rametto con la sua TCommunication e già installato nei 150 punti vendita della catena Fresco Market nel Lazio. Obiettivo della squadra è gestire i flussi negli esercizi commerciali per garantire il rispetto della salute di clienti e dipendenti. Come? La proposta è il semaforo comportamentale Safety Pois: una segnaletica visiva progettata e brevettata, versatile, user-friendly e semplice da installare. I pois colorati segnalano le distanze da mantenere e le azioni da compiere: con il verde si può camminare, il giallo richiede una sosta veloce, il rosso prevede che il cliente si fermi, in attesa magari di un commesso. (L.M.)