Equity crowdfunding in Italia: 3,3 milioni di euro per SixthContinent (social ecommerce) | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

RACCOLTA FONDI

Equity crowdfunding in Italia: 3,3 milioni di euro per SixthContinent (social ecommerce)



Raccolta record sul portale 200Crowd per SixthContinent, società che garantisce risparmi agli utenti tramite un meccanismo di fidelizzazione. Tra i progetti futuri l’intenzione di scalare i mercati dell’Eurozona

28 Nov 2019


SixthContinent, il social e-commerce fondato nel 2010 da Francesco Politi e Francesca Roveda (CEO di SixthContinent Inc, cui fa capo l’italiana Sixth Continent Europe srl) ha chiuso un round da 3.300.000 euro nella sua campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma 200Crowd.

Lanciata alcuni mesi fa sulla piattaforma 200crowd, la campagna di equity crowdfunding di SXC è nata con lo scopo di accelerare il proprio percorso di crescita e diffusione in Europa, riunendo tutti i cittadini, che hanno contribuito al successo iniziale di SXC, in un’unica piattaforma per continuare a essere sempre più parte attiva di questo processo globale.

Che cos’è l’equity crowdfunding

L’equity crowdfunding è una forma di investimento che consente alla “folla” di investitori (crowd) di finanziare startup innovative e piccole e medie imprese (sia innovative sia non) attraverso portali online autorizzati, erogando un contributo finanziario in cambio di quote societarie delle stesse imprese (equity).

Equity crowdfunding: che cos’è, come funziona e quali sono le piattaforme per startup e pmi

Che cosa fa SixthContinent

SixthContinent è una piattaforma internazionale di profit-sharing: vende sul mercato B2C ogni tipo di Gift Card, Voucher, Buoni, Carte Prepagate e Coupon (sia in formato fisico sia digitale). Il cliente può guadagnare crediti dagli acquisti effettuati da tutti gli utenti nel mondo, dai suoi acquisti di Shopping Card e anche punti dalle attività svolte, come accesso giornaliero, recensioni di carte acquistate, invito di nuovi amici sulla piattaforma. Con i crediti e i punti accumulati può pagare le sue Shopping Card preferite fino al 50% del loro valore e fare così i soliti acquisti: carburante, alimentari, Amazon e persino pagare i bollettini. Le aziende presenti su SixthContinent hanno aderito in forma diretta e/o indiretta.

I risultati di SixthContinent: oltre 1.000 investitori e una raccolta di 3 milioni

Attraverso il crowdfunding SixthContinent ha ottenuto oltre 1.000 investitori e una raccolta di oltre 3 milioni di euro, 15 volte superiore alla media italiana che si attesta attorno alla cifra di 300mila euro. In una nota l’azienda sostiene di aver registrato nel 2018 un fatturato di oltre 50 milioni di euro e di apprestarsi a chiudere il 2019 con oltre 100 milioni.

L’espansione di SixthContinent

SixthContinent Europe da pochi mesi è, inoltre, sbarcato in Portogallo dove, sempre in base ai dati comunicati ai media, sta registrando una crescita a doppia cifra con +90% circa di utenti registrati ogni mese.

La crescita è organica e frutto del passaparola degli utenti, che sono passati da 132 mila nel 2017 agli oltre 480 mila nel 2018, arrivando a 700 mila nel terzo quadrimestre del 2019.

“Grazie alla fiducia dei nostri investitori, nel 2020 potremo diffonderci più velocemente nei Paesi Europei, con benefici per tutti, consumatori, aziende e soci”, commenta Francesca Roveda.

“Lo sviluppo e i tassi di crescita di SixthContinent sono un’ulteriore dimostrazione di quanto lo strumento dell’equity crowdfunding sia ormai maturo e utile soprattutto per permettere alle aziende di integrare al meglio la propria community nella crescita del business”, afferma Matteo Masserdotti, CEO e co-founder di Two Hundred, la società che gestisce il portale 200Crowd.

Obiettivo: scalare i mercati dell’Eurozona

Tra i progetti futuri dell’azienda c’è l’intenzione di scalare i mercati dell’Eurozona, forte di 1.000 nuovi soci che prima di tutto sono cittadini del Sesto Continente.