Crowdfunding: via alla raccolta fondi per LovBY, piattaforma che trasforma i clienti in "ambasciatori" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

FINANZIAMENTI

Crowdfunding: via alla raccolta fondi per LovBY, piattaforma che trasforma i clienti in “ambasciatori”

15 Feb 2018

Debutta su CrowdFundMe la startup di permession marketing, forma di promozione commerciale che consente al consumatore di diventare Brand Lover, sostenitore di un brand in cambio di crediti. Obiettivo del fundraising online: 150mila euro. In due anni la giovane realtà ha già sfiorato un milione di euro di fatturato

Fare in modo che sia il cliente a diventare volontariamente ambasciatore di un brand: è su questo concetto, definibile come permission marketing, che si basa l’attività di LovBY, piattaforma nata da un team di grande esperienza nel mondo del marketing che in soli due anni ha già raggiunto quasi un milione di euro di fatturato, di cui €720.000 negli ultimi 12 mesi, e che ora va a caccia di fondi attraverso il portale di equity crowdfunding CrowdFundMe.

LovBY connette direttamente il consumatore con il brand che più ama: ciascun utente, chiamato Brand Lover, sceglie volontariamente di divulgare il brand. Così facendo aumenta la propria influenza social e viene ricompensato con dei crediti spendibili sulla piattaforma.

La startup è stata fondata nel 2014 da Fabrizio Rametto con la partecipazione di Tcommunication Spa, società leader nella comunicazione non convenzionale e di Andrea Gualtieri, presidente di Groupalia, tra le prime realtà di e-commerce e social shopping in Italia. I numeri di LovBY parlano da soli: in soltanto un anno e mezzo di attività la community ha raggiunto oltre 120.000 Brand Lovers, il potenziale audience influenzabile è composto da circa 22 milioni di persone, sono state sviluppate più di 2 milioni di azioni di comunicazione e il fatturato 2017 è triplicato rispetto all’anno precedente, raggiungendo €720.000.

COME FUNZIONA LA PIATTAFORMA DI LOVBY

Il funzionamento di questa “action platform”, così come è stata definita dai suoi creatori, è semplice e intuitivo: tramite LovBY, le aziende che dispongono di un budget da investire in pubblicità vengono messe in contatto con gli utenti, i Brand Lover, i quali mettono a disposizione il proprio tempo per produrre azioni di comunicazione a favore del proprio brand preferito, in cambio di una ricompensa. Per il proprio impegno, infatti, il Brand Lover viene gratificato direttamente dall’azienda tramite i Lovies, una currency virtuale che permette di riscuotere diversi premi, sempre attraverso la piattaforma LovBY.

In questo modo, gli utenti hanno la possibilità di conferire valore aggiunto alla propria esperienza sui social network e le aziende di migliorare la propria visibilità, attraverso la voce dei clienti migliori. Il risultato è un reciproco vantaggio con, da un lato, l’azienda che si promuove nella maniera più efficace e, dall’altro, l’utente che guadagna dalla sua attività sui social e si trasforma in vero e proprio influencer.

CHE COS’È IL PERMISSION MARKETING

Il presupposto al quale LovBY si ispira è il permission marketing, una forma di promozione commerciale che gode di una efficacia impensabile per i metodi di marketing tradizionale, specialmente per quanto riguarda la fedeltà del consumatore. Il consumatore sceglie consapevolmente di ricevere della comunicazione da parte di un brand e di agire poi come amplificatore della stessa con la propria cerchia di conoscenze: l’impegno preso volontariamente e quella del passaparola tra persone di fiducia rendono molto forte il legame con il brand e la capacità di persuasione di quest’ultimo.

Insomma, LovBY sta davvero rivoluzionando il modo di fare marketing in Italia. Merito anche del suo essere una piattaforma immediata e di facile utilizzo. Per diventare un Brand Lover, infatti, è sufficiente iscriversi alla piattaforma tramite i propri profili social e scegliere a quale mission aderire, in base al livello di gradimento del brand e del tempo che si può dedicare a questa attività. L’azienda che decide di investire in questo strumento di comunicazione, invece, ha il compito di creare le proprie missioni da proporre ai propri Brand Lovers, stabilendo nel contempo le modalità di remunerazione per ogni azione andata a buon fine.

CROWDFUNDING: PERCHÉ LOVBY HA SCELTO LA RACCOLTA FONDI ONLINE

La campagna di crowfunding di LovBY su CrowdFundMe , che ha un obiettivo economico di 150.000 euro, punta a rafforzare il progetto in Italia, per poi espandersi a livello internazionale.

I fondi raccolti, saranno utilizzati, in proporzione, per:

  • Incrementare lo sviluppo della rete commerciale e accelerare così la crescita della startup (45%)
  • Acquisire nuovi utenti (30%)
  • Implementare lo sviluppo evolutivo della piattaforma (25%)

LovBY si pone lo scopo finale di conquistare, nei prossimi dieci anni, lo 0,5% della spesa mondiale per la pubblicità sui canali digitali. Per cambiare l’esperienza di acquisto e trasformare il consumatore in soggetto attivo, capace di influenzare, con le proprie scelte, il modo in cui il brand che più ama si pone sul mercato.

.

 

Articoli correlati