Mobilità, lavorare sulle community: la promozione Telepass per i motociclisti | Economyup

PAGAMENTI DIGITALI

Mobilità, lavorare sulle community: la promozione Telepass per i motociclisti



Fino alla fine di agosto Telepass propone forti sconti ai motociclisti clienti di Telepass Pay. È un modo per cominciare a lavorare su una comunità di clienti, per conoscerli meglio e dare loro servizi migliori. Magari in attesa che passino alle due ruote elettriche

23 Apr 2021


Telepass e i motociclisti

Lavorare alla creazione di customer community, comunità di utenti, per “promuovere connessioni emotive con i propri consumatori”, costruire con loro relazioni forti e durature, ottenere costanti feedback e, in ultima analisi, potenziare la propria strategia aziendale: è la strada indicata da Mark Schaefer, esperto internazionale di marketing e autore di libri sull’argomento. Ma la customer community non è solo uno stratagemma di marketing: è un impegno aziendale per garantire ai clienti servizi migliori e “su misura”.

Sulla community dei motociclisti sta cominciando a lavorare Telepass. La società nata per il pagamento del pedaggio autostradale, e diventata negli ultimi anni un ricco ecosistema di servizi integrati per la mobilità, non dimentica questo veicolo che ha oltre un secolo e mezzo di storia (il primo prototipo si fa risalire al 1869) e che oggi, se indirizzato sulla strada dell’ibrido e dell’elettrico, può dare il suo contributo alla mobilità sostenibile. D’altra parte, con l’arrivo della bella stagione, la motocicletta diventa uno dei mezzi ideali per spostarsi in libertà e agilità. Per questo Telepass ha deciso focalizzare la propria attenzione sulla community di motociclisti. Una comunità di utenti appassionati e attivi ai quali dedicare un’iniziativa su misura: l’azzeramento del canone di abbonamento del telepedaggio Telepass Family, previa attivazione di “Sconto Moto” e di altri servizi. I centauri hanno tempo fine alla fine di agosto 2021 per aderire all’iniziativa.

Che cosa offre Telepass alla community dei motociclisti

Attraverso la nuova offerta viene azzerato il canone di abbonamento del servizio di telepedaggio “Telepass Family” per tutti i motociclisti clienti di Telepass che abbiano attivato lo Sconto Moto presso un Punto Blu o un Telepass store, e che siano già titolari dei servizi di pagamento Telepass Pay “Plus” o dell’offerta Telepass Pay “X”, oppure vi aderiranno entro la fine di agosto 2021 (salvo ulteriori proroghe).

La gratuità del canone “Telepass Family” verrà riconosciuta finché il cliente manterrà contestualmente la titolarità del “Telepass Family”, con attivo lo Sconto Moto, e di una delle predette offerte Telepass Pay. I motociclisti che già possiedono il dispositivo Telepass Family collegato alla propria moto e abbiano attivato lo Sconto Moto, aderendo ad una delle già citate offerte Telepass Pay entro il prossimo agosto, vedranno azzerato – dal mese successivo all’adesione – il canone di abbonamento “Telepass Family”.

Per attivare le offerte Telepass Pay e avere accesso al circuito di pagamento dei servizi integrati di mobilità, è sufficiente scaricare la relativa app disponibile per i dispositivi iOS e Android.

Chi invece non avesse ancora sottoscritto un abbonamento “Telepass Family” collegato al proprio motoveicolo ha quindi l’occasione di attivarlo senza pagare il relativo canone di abbonamento, se attiverà lo Sconto Moto e aderirà anche ad una delle già citate offerte di Telepass Pay entro agosto 2021.

Telepass e le moto: una possibile strada verso l’elettrico

La community dei motociclisti era finita sotto il radar di Telepass già lo scorso anno, nell’ambito di un’attività in cui le motociclette erano protagoniste: il Girls Energica Tour. Un viaggio, patrocinato insieme a Legambiente e Save the Planet che ha visto due donne, Lorena Bega e Valentina Bruno, percorrere 1.000 km dalla Toscana alla Puglia su moto elettriche. Risultato: un risparmio del 94% di emissioni di CO2 rispetto alle moto convenzionali.

La moto elettrica può infatti  diventare nei prossimi anni una delle protagoniste di una mobilità più sostenibile, oltre che più comoda e innovativa, anche fuori dall’ambito urbano.