Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL CONTEST

Life Science, Zambon cerca startup da finanziare: ultimi giorni per partecipare

11 Lug 2017

Le candidature alla seconda edizione del progetto Open Accelerator di ZCube sono aperte fino al 16 luglio. Con questa iniziativa il Gruppo farmaceutico mette in palio finanziamenti seed fino a un massimo di 100mila euro per progetto. Ecco i dettagli della gare e le modalità per iscriversi

C’è tempo fino al 16 luglio per partecipare al secondo programma di accelerazione per startup nel settore life science (interamente in italiano) lanciata da Zcube, research venture del gruppo farmaceutico Zambon. La seconda edizione del programma di accelerazione “Open Accelerator” si rivolge a ricercatori, scienziati e aspiranti imprenditori italiani e internazionali che seguiranno un percorso in 12 tappe, finalizzato alla selezione dei progetti meritevoli di ricevere un investimento seed, fino a un massimo di 100mila euro a progetto.

La call è articolata in quattro macroaree d’interesse: Drug delivery systems (tecnologie innovative per la somministrazione di farmaci e il rilascio controllato e mirato all’interno dell’organismo); Open source prototyping: medical devices, biomarkers, diagnostics (piattaforme tecnologiche innovative per la prevenzione e diagnosi quali dispositivi diagnostici professionali e applicazioni biometriche avanzate); Wearables e digital health (dispositivi indossabili che migliorino la qualità di vita dei pazienti e soluzioni tecnologiche rivolte a migliorare i servizi sanitari); Big data (analisi e utilizzo dei dati che consentano la riduzione dei costi sanitari attraverso diagnosi più efficaci).

Il lancio del programma avviene attraverso il sito internet. Un massimo di 30 progetti meritevoli, sia italiani che internazionali, saranno selezionati e parteciperanno al programma di accelerazione che prevede un percorso formativo dove i giovani ricercatori saranno affiancati da mentors e advisors che includono imprenditori, business angels, venture capitalists e esperti provenienti da aziende di rilievo nei quattro segmenti della call.

Il percorso di accelerazione è rivolto a ricercatori e scienziati che hanno l’ambizione di fare ricerca traslazionale e la parte didattica sarà composta dagli elementi base di un modello di business, secondo la consolidata metodologia di business model canvas già adottata dalla National Science Foundation (NSF) e dal National Institute of Health (NIH) negli Stati Uniti.

«ZCube da anni è impegnata nello sviluppare partnership nel campo della ricerca a livello mondiale – spiega Elena Zambon, presidente di Zambon – grazie ad un approccio aperto e relazioni consolidate con ricercatori italiani e stranieri, con centri di eccellenza e le Università di tutto il mondo. Il programma di Open Accelerator è l’evoluzione di ZCube per dare respiro all’innovazione nel campo della salute, sia essa di stampo scientifico sia digitale, che è il grande agente di cambiamento di molti settori e ancor di più del nostro».

  • 41 Share