Helix, la startup che lancia il primo App Store del DNA: con 80 dollari compri un test del genoma | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

ACCADRÀ DOMANI

Helix, la startup che lancia il primo App Store del DNA: con 80 dollari compri un test del genoma

di Cristina Pozzi

31 Lug 2017

L’iniziativa della società, fondata in Silicon Valley nel 2015, rende alla portata di tutti l’accesso al proprio codice genetico e da la possibilità di interagire con diversi operatori. Si aprono impensabili prospettive di business che richiedono una maggiore sensibilità di tutti noi sulla privacy di queste informazioni

Helix, startup fondata nel 2015 in Silicon Valley, aprirà presto il suo negozio online di DNA. Si tratta di un App Store grazie al quale le persone potranno effettuare numerosi test sul proprio codice genetico, scaricando diverse applicazioni per computer o smartphone. Helix sequenzierà parte del genoma (per circa 80 dollari), i risultati saranno a disposizione dei clienti che potranno quindi usarli per interagire con le aziende e gli sviluppatori presenti nella piattaforma.

Perché è importante

Testare il proprio DNA diventerà un vero e proprio gioco da fare con il proprio cellulare. Già oggi con i nostri smartphone misuriamo ogni battito, ogni metro percorso, ogni attività fisica e ogni movimento che facciamo nelle nostre giornate, con questo sistema potremo misurare e testare anche il DNA.

Attraverso la piattaforma sarà possibile, infatti, misurare tutto, dalle origini dei propri avi, alla dieta migliore per il proprio fisico, dalla salute alle malattie ereditarie, senza affidarsi a diversi operatori con test multipli.

In questo modo Helix si pone come “banca centrale” del DNA, dando modo di utilizzare i dati via via a diversi operatori, diversi test e, quindi, diverse APP.

Un sistema del genere cambia totalmente in modo in cui pensiamo al nostro DNA e rende più semplice anche per diversi operatori l’ingresso sul mercato.

Lato consumatore, invece, se da un lato dovrebbe rendere più accessibile a tutti l’analisi, democratizzando e massificando questa tecnologia, dall’altro dovrebbe essere accompagnato da una più approfondita educazione nei confronti del pubblico sulla privacy, il trattamento dei dati in generale, il loro significato e come comportarsi di conseguenza ai risultati.

www.cristinapozzi.com

Impactscool

 

 

Cristina Pozzi

Co-founder e Amministratore Delegato di Impactscool. Speaker, Advisor e Angel Investor. In passato è stata co-fondatore e Direttore Generale di Wish Days

Articoli correlati