Finché c'è biotech c'è speranza: come rivedere la puntata | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Le nostre iniziative

Finché c’è biotech c’è speranza: come rivedere la puntata

di Redazione EconomyUp

31 Ott 2014

È uno dei comparti più vitali del made in Italy ed è quello con le exit più importanti per le startup: il biotech è il tema di apertura della puntata andata in onda il 4 novembre alle 22 su Reteconomy (SKY816). In studio Sergio Dompé e Pierluigi Paracchi. Nella seconda parte Luca Colombo di Facebook

Giovanni Iozzia con Pierluigi Paracchi
Finché c’è biotech, c’è speranza: questo il titolo della nuova puntata di EconomyUp, il programma sull’innovazione condotto da Giovanni Iozzia, andata in onda il 4 novembre alle 22 su Reteconomy (SKY816) e in web streaming su Reteconomy.it, dove è disponibile on demand dal giorno successivo alla prima messa in onda.

CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PUNTATA

Il biotech è uno dei comparti più forti e vitali del made in Italy ed è quello dove ci sono state le exit più importanti per le startup, basti pensare al quasi mezzo miliardo di dollari pagato da una società americana per la Eos di Silvano Spinelli.

Il biotech è il percorso d’innovazione obbligato per tutta l’industria farmaceutica. Perché lo spiega, nello studio del Talent Garden,

Giovanni Iozzia con Sergio Dompè
Sergio Dompé, il presidente dell’omonima azienda, che racconta le ragioni della “conversione” attuata verso i farmaci del futuro e quali sono in produzione negli stabilimenti italiani. Un altro protagonista del biotech italiano è Pierluigi Paracchi, il venture capitalist dietro il successo di Eos, ora in veste di startupper, con il progetto Genenta, spinoff dell’Ospedale San Raffaele di Milano, impegnato in un’ambiziosa ricerca su un farmaco antitumorale sviluppato a partire da una variante del virus dell’Hiv.

Nella seconda parte della trasmissione EconomyUp va a trovare Facebook, il social network più importante al mondo, nella sua sede italiana in occasione del 5 anno di prezenza nel nostro Paese. Abbiamo visto chi e cosa c’è dietro un servizio usato da 25 milioni di italiani, non solo un passatempo ma anche la seconda concessionaria di pubblicità nel nostro mercato dopo Google, interlocutore obbligato per tutte le aziende italiane. Ne abbiamo parlato con il country manager Luca Colombo. E abbiamo incontrato anche una delle numerose startup che stanno nascendo intorno a Facebook, per aiutare le imprese a muoversi al meglio nel mondo social: la campana Buzzoole.

Completano la puntata di EconomyUp le storie dai Talent Garden sul territorio italiano e le cronache di Emil Abirascid, che con la sua rubrica Startup Reporter racconta cosa succede negli ecosistemi innovativi più interessanti, in Italia e nel mondo.

 

Redazione EconomyUp

Articoli correlati