Master MIP, i top manager del futuro arrivano da 26 Paesi | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Formazione

Master MIP, i top manager del futuro arrivano da 26 Paesi

13 Set 2016

Sono 58 gli iscritti alla 37esima edizione del Master internazionale della business school del Politecnico di Milano, il 60% in più della precedente edizione, e provengono da Brasile, Canada, Cina, Costa Rica, India, Perù, Russia, Turchia, Usa e Svezia. «È un record», dice il direttore Raffaello Balocco. «Quest’anno importanti innovazioni»

Raffaello Balocco, direttore del Master internazionale MBA Full Time di MIP Politecnico di Milano
Parte con un record di iscritti provenienti da ben 26 Paesi la 37esima edizione del Master internazionale MBA Full Time di MIP Politecnico di Milano.

Ad essere accolti nella school of business sono infatti in 58, una crescita del 60% rispetto alla precedente edizione.

I partecipanti della nuova edizione provengono da 26 Paesi, tra i quali Brasile, Canada, Cina, Costa Rica, India, Perù, Russia, Turchia, Stati Uniti d’America, Svezia e hanno una media di 30 anni.

“L’aumento del 60% dei partecipanti è un vero record per la Business School” dichiara Raffaello Balocco, direttore del Master. “Il successo – prosegue – è dovuto certamente al valore intrinseco del prodotto che presenta quest’anno alcune importanti innovazioni, per essere sempre più aderente alle esigenze espresse dagli studenti internazionali. Il programma è pensato da e per le aziende con l’obiettivo di formare i manager del futuro, in grado di affrontare e risolvere problemi trasversali, multidimensionali e complessi che caratterizzano gli attuali contesti di business. Le aziende partner sono parte attiva del programma sin dall’inizio attraverso eventi di networking, business seminar, attività di mentorship e progetti sviluppati in collaborazione con i partecipanti al Master”.

L’attuale edizione è stata sviluppata in partnership con oltre 30 aziende nazionali e internazionali, tra le quali: Aboca, Allianz, Amazon, ArtRooms, Banale, Barilla, Bip, Edison, EF – Education First, Enel, Expedia, Fire, Halldis, IBM, Kerakoll, Lastminute.com Group, Ely Lilly, Microsoft, OTB Diesel, Pirelli, Poliform, Sirti, Telecom – Tim, The Boston Consulting Group, Vente-privee, Vimar, Vivocha, Vodafone, Whirlpool, Xmetrics.

A testimonianza della vicinanza delle imprese al programma, il kick off del Master ha avuto relatori di eccezione: Gioia Ferrario, HR Director Boston Consulting Group, e un testimonial dell’Associazione Fight the Stroke, che hanno raccontato ai partecipanti la loro esperienza e l’importanza del cambiamento, non solo in ambito professionale.

Altre due novità del programma sono il Management Bootcamp su temi di frontiera e di interesse a livello internazionale (quali, ad esempio, smart manufacturing, lusso e design, sostenibilità ed etica nel business, globalizzazione, ecc.) e l’utilizzo della piattaforma di smart learning del MIP durante il primo term, con possibilità di seguire da casa le lezioni fino a inizio novembre.

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati