Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Descrizione del livestream!

Digital For Social

TeleTatto, il mouse che aiuta i non vedenti a studiare la geometria

di Luciana Maci

16 Mar 2017

Ideato dall’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, si propone di stimolare l’immaginazione spaziale degli ipovedenti consentendo loro di toccare virtualmente gli oggetti. Un esercizio di astrazione mentale che sviluppa le loro competenze matematiche. È tra i progetti premiati da Fondazione Vodafone Italia

Sembra un semplice mouse per computer ma non lo è: è un mouse tattile grazie al quale le persone ipovedenti possono toccare virtualmente una serie di oggetti geometrici. Ad oggi gli studenti con gravi problemi alla vista imparano la geometria utilizzando modellini realizzati in plastica o altro materiale. Ma il mouse ideato nell’ambito del progetto TeleTatto della Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genovapuò stimolare maggiormente la loro immaginazione spaziale e le loro capacità di astrazione, consentendo allo stesso tempo agli operatori che li seguono di immagazzinare dati nel proprio pc e poter così monitorare costantemente il loro livello di apprendimento. Il project coordinator Luca Brayda spiega a EconomyUp i dettagli dell’iniziativa che sta sviluppando in collaborazione con altri partner e che figura tra i premiati del bando Digital For Social di Fondazione Vodafone Italia. L’obiettivo è contribuire a perfezionare le competenze matematico-scientifiche dei giovani con disabilità, purtroppo spesso più indietro dei loro coetanei in queste materie. Un tipo di ricerca che potrebbe avere, in futuro, interessanti applicazioni anche in altri campi, per esempio quello della realtà aumentata. “Un domani – dice Brayda – potrebbe permettere alle persone di comunicare tra loro anche attraverso il senso del tatto”. 

Luciana Maci
Giornalista

Master alla Luiss, nel 2000 sono entrata in Misna, primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia. Dal 2013 in DigitalGroup360, scrivo di innovazione, economia digitale e startup per EconomyUp