Startup e Industria4.0, comincia il countdown per la caccia di Cisco e H-Farm | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Startup e Industria4.0, comincia il countdown per la caccia di Cisco e H-Farm

22 Dic 2016

A gennaio si apre la selezione delle imprese digitali più innovative per lo smart manufacturing. Previsto un programma di accelerazione nel campus di Ca’ Tron di 4 mesi, dal valore complessivo di 100mila fra grant e servizi. Industrial IoT, cloud, cybersecurity e intelligenza artificiale tra le aree di maggior interesse

Conto alla rovescia per la caccia di H-Farm e Cisco alle startup più innovative dell’industry 4.0. Le candidature per la call Industry 4.0 Accelerator, promossa dalla piattaforma digitale in tandem con il gigante californiano, saranno aperte ufficialmente al rientro dalle feste natalizie. Ma già si può ben capire quali siano i profili imprenditoriali che il duo italo-statunitense vuole accompagnare sul mercato, con un ricco assegno e diversi servizi collaterali.

Il fil rouge della selezione sarà l’industria 4.0, che soprattutto per l’Italia rappresenta una grande occasione di far entrare davvero l’innovazione in azienda. Le startup early-stage o market-ready che entreranno nel vivo del programma saranno cinque e a loro sarà garantito un programma di accelerazione di 4 mesi, durante il quale oltre a sfruttare il finanziamento cash garantito da H-Farm (20mila euro per ogni team vincitore), potranno usufruire di diversi strumenti di supporto, più vitto e alloggio.

Il programma prevede infatti per ogni impresa 2.0 selezionata non solo un investimento seed, ma anche 80mila euro di servizi. Tra quest’ultimi rientrano contatti con aziende partner in cerca di soluzioni per l’industria 4.0; accesso a una rete di investitori internazionali e a spazi di lavoro, vitto e alloggio; la partecipazione al Demo Day finale alla presenza di business angel, investitori, aziende e giornalisti; il supporto di team dedicatoworkshop su temi chiave come le strategie di business e sviluppo, la comunicazione e il marketing, gli aspetti legali e ancora la raccolta fondi. Una suite cash-servizi all inclusive che avrà un partner chiave in Cisco, che aggiunge così un nuovo tassello al programma Digitaliani lanciato in Italia a inizio anno con un investimento complessivo da 100 milioni di dollari.

Fra le aree di interesse che animeranno la selezione rientrano l’Industrial Internet of Things, le applicazioni di realtà aumentata e virtuale, la logistica smart, la sicurezza degli impianti produttivi, le soluzioni collaborative, l’integrazione fra sistemi verticali e orizzontali, la cybersecurity, il cloud, le nuove frontiere del maching learning e dell’intelligenza artificiale e l’additive manufacturing. Si spazia dunque di conseguenza fra diversi settori applicativi, dall’automotive all’universo B2B tanto per citarne un paio.

L’intero programma dell’Industry 4.0 Accelerator sarà ospitato nel campus di H-Farm, dove abitano già oltre 40 startup e più di 500 fra nuovi imprenditori e talenti innovativi. Un luogo immerso nel verde della tenuta di Ca’ Tron, in cui i 5 team di startupper potranno dedicare anima e corpo alla proprie idee innovative. La prima selezione si aprirà a gennaio e sarà chiusa il 13 marzo 2017. Fra tutti i candidati saranno selezionate 25 startup che si sfideranno durante il Selection Day di aprile. Il programma di accelerazione entrerà nel vivo a maggio e durerà fino a settembre, culminando con il Demo Day.

Redazione

Articoli correlati